Cluster a Ripalimosani dopo il brindisi di Capodanno: pugno duro del sindaco. Al bar si entra da soli, carte da gioco vietate e non si sosta in piazza

A scopo precauzionale il sindaco di Ripalimosani aveva già chiuso le scuole del Paese fino al prossimo 20 gennaio.

Oggi, così come annunciato, è stata pubblicata l’ordinanza numero 3 che di fatto blinda il centro alle porte del capoluogo, dove i contagi avvenuti durante le festività natalizie preoccupano. 8 solo quelli emersi nell’ultimo bollettino di oggi.

In tarda serata, dunque, la decisione del primo cittadino che nell’ordinanza impone una serie di divieti per evitare qualsiasi tipo di assembramento.

Secondo quanto stabilito a Ripalimosani:

L’ordinanza emanata dal primo cittadino è immediatamente eseguibile e non ha una scadenza.
Nel senso – ha spiegato il sindaco Giampaolo – che nel momento in cui riterremo opportuno allentare le restrizioni cambieremo l’ordinanza. Spero non oltre le due settimane). Ovviamente sono fatte salve tutte le restrizioni imposte sia dal Presidente della Giunta Regionale sia dai vari DPCM”.
“Mi dispiace – ha detto ancora il primo cittadino – adottare misure restrittive però sono necessarie al fine di evitare il propagarsi del virus. Purtroppo nell’amministrare una comunità si devono prendere decisioni possibilmente belle ma soprattutto giuste. Questa volta sono giuste. Continuerò fino allo sfinimento di ricordare il rispetto delle regole, distanziamento, mascherina, igiene delle mani. Cerchiamo e sforziamoci, nonostante tutto, di anteporre i sentimenti di forza e pazienza a quelli di rabbia e isterismo per uscire prima e meglio da questo momento”.