CB e dintorni

Buche e pericolo per gli automobilisti: la denuncia social nel gruppo Facebook ‘Bagnoli del Trigno’

Le strade molisane diventano sempre più pericolose: tra arterie in dissesto e buche pericolose che mettono a rischio gli automobilisti al volante. La denuncia arriva sui social con utenti che pubblicano nel gruppo Facebook ‘Bagnoli del Trigno’ delle foto che evidenziano la pericolosità delle strade

Il dissesto delle infrastrutture in Molise è un problema rilevante che, con il maltempo e le condizioni geologiche del terreno, peggiora sempre di più. Neve e pioggia intensa, insieme alle frane, aggravano le condizioni delle strade, che diventano sempre più pericolose, mettendo in serio rischio gli automobilisti al volante.

Le ultime denunce dei molisani arrivano sui social, in particolare nel gruppo Facebook ‘Bagnoli del Trigno’. Sono due utenti che hanno deciso di denunciare la pericolosità delle strade, portando a corredo delle foto che testimoniano la gravità della situazione e i danni che hanno subìto degli automobilisti.

Scrive il giovane Gabriele Bezzoli: “Da parte di un mio amico. Salendo da Sprondasino subito dopo il piccolo spiazzale sulla sinistra e dopo la curva a destra, c’è una serie di buche dove il mio amico ha praticamente rotto la macchina. A chi spetta un intervento rapido e risolutivo per questo calvario stradale? La prossima auto potrebbe essere la vostra”.

La seconda denuncia social è della signora Gallo che scrive: “E qui i danni chi li paga? Vi garantisco che non correvo, non stavo usando il telefono e portavo altre quattro persone con me. Ringrazio il Signore che non veniva di fronte un’altra macchina altrimenti non starei qui a scrivere questo post. Darei 10 mila voti per rendere Bagnoli il borgo più bello ma peccato che per arrivarci bisogna spaccare due gomme, due cerchioni e piegare il semiasse di una macchina con meno di un anno di vita. Vi garantisco che qui qualcuno paga”. Parole scritte dalla stessa signora che aveva cercato di riparare al dissesto richiudendo delle buche di propria iniziativa.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close