Città

Amministratori, consorti ed entourage: le Maitunate ‘irriverenti’ di Nicola Mastropaolo non risparmiano nessuno

A pochi mesi dalle amministrative, la satira condisce la chiusura della festa

Canti e ritornelli improvvisati prendono di mira amministratori e semplici cittadini. In tantissimi anche per l’edizione 2019 per assistere alle maitunate di Nicola Mastropaolo e Antonio Mandato che, come da tradizione, ieri sera 17 gennaio, hanno chiuso la festa di Sant’Antonio Abate dinanzi l’omonima chiesa del capoluogo.

Nella foto il governatore Toma e il sindaco Battista, con le rispettive consorti, chiamati a stringersi la mano

A fare da sfondo l’enorme fuoco acceso dalle prime ore della mattina per onorare il Santo protettore degli animali domestici e da cortile.

Tra la folla anche il presidente della Regione, Donato Toma, e il sindaco di Campobasso, Antonio Battista, entrambi presi di mira da una satira ‘irriverente’ che ha strappato divertimento e sorrisi.

Ma a divenire bersaglio degli stornelli sono state anche le rispettive mogli dei due amministratori, chiamati dinanzi al palco a stringersi la mano, così come l’entourage di Toma e Battista, dai consiglieri del governatore agli esponenti di Palazzo San Giorgio. Rappresentanti della politica locale, da tempo in fermento in vista delle prossime amministrative.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close