CronacaPolitica

“Nella sanità stabilizzazioni di serie A, B e, forse, C”. I precari storici dell’Asrem si ribellano: “Applicazione della ‘Madia’ non uniforme”

“Stabilizzazioni di serie A, B e, ‘forse’, C all’Asrem. A distanza di oltre due anni dalla approvazione della riforma Madia, che ha previsto, tra l’altro, la possibilità di stabilizzare i precari della Pubblica Amministrazione, l’Azienda Sanitaria del Molise ha recentemente adottato un provvedimento che ancora una volta penalizza i precari storici della sanità, 200 lavoratori che per anni hanno lavorato nell’azienda con contratti flessibili di collaborazione continuativa, sfruttati nelle capacità professionali possedute, senza diritto a congedi, non retribuiti in caso di malattie, con compensi non commisurati alla professionalità posseduta e al tipo di lavoro svolto”. A commentare quanto sta accadendo, una rappresentanza di lavoratori interessati.

“È veramente frustante e mortificanteproseguonodover apprendere dai mass media che la ASReM “ha avviato le stabilizzazioni ‘Madia’ per infermieri, terapisti, collaboratori amministrativi, assistenti amministrativi, veterinari e poi verificare che l’Azienda ha adottato un atto con cui intende stabilizzare solo il personale a tempo determinato (vale a dire il personale che ha avuto per anni gli stessi diritti e lo stesso trattamento economico dei dipendenti di ruolo, ma con un contratto temporaneo, con nessun limite temporale), che l’avviso riguarda solo una delle possibilità previste dalla norma (assunzione diretta dei dipendenti a tempo determinato) e non viene prevista la ulteriore possibilità consentita dalla stessa disposizione normativa di stabilizzare anche i lavoratori le cui tipologie contrattuali sono proprie quelle utilizzate in maggior numero dalla Amministrazione Sanitari. Sono le stesse che hanno generato il fenomeno del precariato in tutte le Pubbliche Amministrazioni e sono quelle che hanno determinato il legislatore nazionale a legittimarne il superamento con la procedura derogatoria speciale delle stabilizzazioni , già perfezionata in tutte le altre Regioni. Ma purtroppo – continuano i lavoratori come ogni norma, l’applicazione in ambito regionale non è stata uniforme, nonostante le circolari esplicative ministeriali e le direttive alle Regioni . Precari di serie A già stabilizzati, precari di serie B per i quali in corso o avviata la stabilizzazione e precari di serie C , in attesa da anni , ormai non più giovani , in gran parte disoccupati, delusi nelle legittime aspettative , con i requisiti per essere stabilizzati ma che non hanno avuto la stessa attenzione e sistemazione riservata ad altri colleghi, già favoriti da una tipologia contrattuale di dipendenza a tempo determinato, di maggiore tutela lavorativa rispetto ai contratti di collaborazione continuativa , anche se sostanzialmente di fatto impegnati nelle stesse attività. Paradossalmente l’avviso emesso dalla Azienda riguarda anche i profili per i quali è già stata effettuata recentemente una prima procedura di stabilizzazione. Riguarda anche il profilo di assistente amministrativo, a cui possono partecipare solo quattro lavoratori. Com’è stato fatto il piano di fabbisogno 2018 – 2020? Comprende la carenza di personale di tutte le sedi dell’Asrem, soprattutto alla luce dei pensionamenti previsti, anche con la Quota 100?”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close