Riccia, via al progetto ‘Game Off’ per la prevenzione della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico. Sabato 10 ottobre evento per la comunita’

gioco d'azzardoSi stanno realizzando in queste settimane gli eventi formativi-informativi previsti dal Progetto ‘Game Off’ sulla prevenzione del Gioco D’Azzardo Patologico e delle altre dipendenze ad esso associate come l’alcol e le sostanze stupefacenti. Sabato 10 ottobre 2015 alle 18 sarà realizzato l’evento rivolto alla comunità riccese, nella sala consiliare del comune di Riccia, ente capofila dell’Ats Riccia- Bojano. Interverranno il sindaco, Micaela Fanelli, l’assessore ai Servizi Socio-Assistenziali, Antonella Di Domenico, e lo psicologo e psicoterapeuta, Francesco Basilico che relazionerà su tali temi.

Il Progetto, promosso dall’Ambito Territoriale Sociale Riccia-Bojano e realizzato dai professionisti Psicologi della Cooperativa Sociale ‘Isis’, è rivolto alla popolazione residente nei 24 comuni afferenti all’Ats, agli studenti delle classi II° e III° media delle scuole secondarie di I° grado e ai gestori delle attività presenti sul territorio del Fortore e del Matese (lotto, superenalotto, scommesse sportive, sale slot, ecc.).

Gli obiettivi principali del progetto ‘Game Off’ riguardano la prevenzione dell’insorgenza del gioco d’azzardo patologico tra la popolazione adolescente e i giovani adulti; la sensibilizzazione degli esercenti sui rischi connessi al mancato controllo dell’età dei giocatori (il gioco è vietato ai minori); la creazione di un punto informativo stabile (telefonico e web) che sia di sostegno immediato per i giocatori e per le famiglie, e che faccia da collegamento con le strutture del servizio sanitario che si occupano del trattamento di questo tipo di dipendenza.

Gli interventi che si stanno realizzando sul territorio prevedono quindi: attività rivolte agli adolescenti nel contesto scolastico; attività rivolte agli esercenti e ai giocatori per valutare le conoscenze inerenti i rischi connessi al Gap; attività di informazione rivolte alla popolazione; la costruzione e attivazione di un sito web del progetto e di una linea telefonica gratuita, che siano di riferimento per tutti gli interessati.
Il sindaco Micaela Fanelli sottolinea l’importanza di fare prevenzione rispetto a queste tematiche che costituiscono una vera piaga per la società e soprattutto per i giovani, i quali sempre più frequentemente si avvicinano al gioco, all’alcol e ad altre sostanze. “I comuni dell’Ats Riccia-Bojano sono molto sensibili a queste problematiche – afferma la Fanelli – e da diversi anni ormai promuovono progetti per fare prevenzione nel campo delle dipendenze. Ricordiamo ad esempio il progetto ‘Alcohol Free’ per la prevenzione della dipendenza dall’alcol e dalle problematiche alcol correlate, che per vari anni è stato attuato sul territorio molisano vista la drammaticità di questa problematica e l’esigenza di affrontarla”.

Anche l’assessore ai Servizi Socio-Assistenziali, Antonella Di Domenico, ribadisce l’importanza di diffondere alla popolazione la giusta informazione su tali problematiche e sui rischi connessi all’abuso del Gioco d’Azzardo, che può diventare una vera e propria patologia, quando il giocare diventa un comportamento reiterato nel tempo in un individuo vulnerabile alla dipendenza. “Nonostante il clamore mediatico – aggiunge la Di Domenico – la dimensione del fenomeno Gioco d’Azzardo in Italia è difficilmente stimabile in quanto ad oggi non esistono studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno; gli studi effettuati finora hanno prodotto una serie di dati parziali di cui l’interpretazione è difficoltosa. Ma sappiamo bene che il fenomeno è in evidente espansione sia sul territorio nazionale sia su quello regionale, per cui si rende necessario attivare interventi di questo genere”.

 

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close