CB e dintorni

Il sistema penitenziario sempre più al collasso: il sit-in di protesta al carcere di Campobasso

Continuano i disagi per la Polizia Penitenziaria in un sistema ormai al collasso. I tre problemi principali sono: il sovraffollamento delle carceri, carenza cronica del Personale in servizio e una cattiva gestione della Dirigenza. Per questo motivo, questa mattina, lunedì 3 febbraio 2020, si è svolto un sit-in di protesta davanti al carcere di Campobasso

I sindacati, nello specifico l’Unione Sindacale di Polizia Penitenziaria, fanno quadrato intorno al sistema che sta implodendo per una serie gravosa di falle interne. I tre problemi principali delle carceri italiane, e nello specifico in quelle molisane, sono: il sovraffollamento delle strutture, la carenza cronica del Personale in servizio ed infine una cattiva gestione da parte della Dirigenza. 

Sono questi i temi che hanno mosso il sit-in di protesta di questa mattina, lunedì 3 febbraio 2020, davanti al carcere di Campobasso, organizzata dall’OSAPP.

A farsi portavoce dell‘U.S.P.P. è Luca Picciano: “Il personale di Polizia Penitenziaria dice, ancora una volta, basta. I lavoratori non sono giocattoli con cui scherzare. È ora che la Polizia Penitenziaria venga rispettata e fatta valere per quello che dovrebbe e cioè un Corpo dello Stato, garante della legalità, visto che le carceri sono indice del benessere di ogni nazione”.

Fanno sapere dall’U.S.P.P., che i dipendenti sono ormai esasperati per le condizioni di lavoro e al limite della sopportazione.

Si punta il dito contro una Dirigenza Amministrativa che non difende come dovrebbe i propri lavoratori, così come quanto dichiarato sempre dall’U.S.P.P.: “Nella situazione specifica di Campobasso, la Dirigenza è impegnata anche nel coordinare il lavoro dell’Istituto di Larino, per tanto diventa una gestione caotica, confusionaria, unilaterale in piena violazione delle trattative con le OO.SS. deputate per norma, a discutere dei problemi del Personale. In sostanza la Polizia Penitenziaria vive un contesto di assoluto regime dittatoriale. Da parte dell’Amministrazione Centrale Uffici DAP si riscontra sordità ed inerzia di fronte a problemi ripetutamente segnalati, compreso la difficilissima gestione di soggetti reclusi psichiatrici, protagonisti di continue aggressioni al Personale. Le violenze che i lavoratori subiscono, implicano lunghe convalescenze mediche ed aggravano la situazione di carenza del Personale“. 

L’U.S.P.P. a tutti i livelli, sindacato rappresentativo del Personale di Polizia Penitenziaria, insieme agli altri, si batte da sempre per il rispetto dei diritti dei propri lavoratori e per questo, oggi scende in campo, partecipando al sit-in di Campobasso. Si richiede almeno di alleviare le sofferenze dei lavoratori che operano in situazioni precarie e al limite della sopportazione.  Sì esorta l’Amministrazione a voler, innanzitutto ripristinare il dialogo sindacale volutamente abbandonato, ed uscire dall’indifferenza totale rispetto alle gravi problematiche che la Polizia Penitenziaria segnala continuamente” fanno sapere dal sindacato.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close