Comune

Comune, il 28 ottobre la prova scritta del concorso indetto nel 2014. Bando dimenticato anche dai candidati. Meno di un decimo ha partecipato alle pre-selezioni

In programma per il prossimo 28 ottobre la prova scritta del concorso per 3 posti da Istruttore Amministrativo (cat. C) part time al 50% al Comune di Campobasso.

Era il 6 settembre scorso quando, sul sito del Comune sono state pubblicate le graduatorie della prova preselettiva alla quale hanno preso parte 67 candidati. Meno di un decimo di coloro (ben 968 persone ndr) che, nel 2014, presentarono la domanda di partecipazione.

Il concorso, infatti, risale al lontano 2014.

Il bando venne indetto nei giorni della campagna elettorale che decretò la vittoria dell’ex sindaco di centrosinistra, Antonio Battista. Ma il 17 maggio 2014, data in cui il bando fu pubblicato, a sedere sullo scranno più alto di Palazzo San Giorgio era ancora Gino Di Bartolomeo.

Il bando scadeva il 16 giugno 2014, dopo l’insediamento di Battista. Un avviso poi caduto nel dimenticatoio e di cui, stando al numero esiguo dei partecipanti, era stato dimenticato anche dagli stessi candidati.

Il riavvio del procedimento c’è stato, infatti, solo 8 marzo scorso, con in carica ancora il primo cittadino del PD, mentre la commissione giudicatrice è stata nominata il 18 giugno 2019, quando il sindaco Gravina si era già insediato.

Come si ricorderà, tra coloro che hanno superato i test e, quindi, dovrebbe prendere parte alla prova scritta, che verterà su nozioni di Diritto Costituzionale e Amministrativo, Diritto Civile, Diritto degli Enti Locali e Diritto Tributario, anche la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle, Margherita Gravina, cugina del sindaco del capoluogo, che si è classificata al 19° posto in graduatoria.

La commissione del concorso è presieduta dal segretario comunale Vincenzo Benassai. I componenti sono l’esperto esterno, Federico Rasi, docente Unimol, e i due interni Mariarosaria Tirro e Mariagrazia Ziccardi, dipendenti del Comune di Campobasso.

Bisogna, inoltre, ricordare come il numero esiguo dei partecipanti alla prova preselettiva ha fatto molto discutere e la questione è finita anche in Assise comunale con un’interrogazione dei consiglieri di centrodestra che accusavano l’amministrazione di non aver dato la giusta pubblicità al procedimento.

In quell’occasione fu lo stesso sindaco a rispondere, dicendo che “non poteva essere addebitabile all’amministrazione nessun tipo di mancata informazione, essendo cura del candidato prendere visione dei termini del bando”.

Intanto, per pubblicizzare maggiormente la prova del prossimo 28 ottobre, da Palazzo San Giorgio, questa volta è stata inviata anche una nota alle redazioni giornalistiche, chiedendo la diffusione della notizia.

Probabilmente proprio per evitare polemiche e sospetti.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close