Cronaca

Prima gli chiedono un drink e del denaro, poi lo accoltellano in via Ferrari: in manette due giovani pregiudicati

QUESTURA CBVivono entrambi a Campobasso i due pluripregiudicati finiti in manette per aver accoltellato, in via Ferrari la notte tra l’11 e il 12 marzo scorso, un giovane del capoluogo, ferendolo a una mano.

A scatenare l’ira di Simone Tasillo e Francesco Palladinetti  rispettivamente di 25 e 24 anni, secondo gli inquirenti, è  stato prima il rifiuto del giovane accoltellato di pagargli da bere e poi quello di dargli il denaro che i due avevano richiesto allo studente di 22 anni.

I dettagli di quella sera sono stati forniti in Questura questo pomeriggio, giovedì 30 marzo, dal vice dirigente della squadra Mobile Saverio Ricciardi, dal commissario capo della Volante Vincenzo Coletta e dall’ispettore superiore Michele Giglio.

Il colpo inferto alla mano del 22enne è stato sferrato dal ragazzo più grande con un coltello da cucina con una lama di 20 centimetri che il pregiudicato portava con sé.

Un futile motivo che ha fatto scattare quella violenza per la quale ora il giovane del capoluogo rischia di perdere la mano, mentre la lite non è degenerata ulteriormente solo grazie al tempestivo intervento della Polizia, senza il quale le condizioni della vittima oggi potrebbero essere molto più gravi. I due hanno, infatti, inseguito lo studente fino a Piazza Pepe, dove l’intervento della Volante, allertata da altri ragazzi che avevano visto cosa era accaduto poco prima, ha evitato il peggio.

E proprio gli agenti ai quali è spettato il compito di ricostruire la dinamica dell’episodio, attraverso le testimonianze dei ragazzi che hanno assistito alla scena e con le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona, avevano subito denunciato il venticinquenne per i reati di lesioni personali aggravate e porto di oggetti atti ad offendere, ipotizzando che il giovane, già noto alle forze dell’ordine, non avesse agito da solo.

Mentre il 25enne si trova in custodia cautelare in carcere, il suo complice è agli arresti domiciliari.

 

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close