Bocce, va a Bartolomeo e Ricciardone il 12° memorial ‘Quintino Pallante’ di Frosolone

Le due coppie finaliste con gli arbitri
Le due coppie finaliste con gli arbitri

È terminato con un derby il 12° memorial ‘Quintino Pallante’: a sfidarsi nella finalissima due coppie della società organizzatrice, la Frosolonese, che in questo modo ha festeggiato come meglio non avrebbe potuto sperare alla vigilia dell’attesa manifestazione.

A imporsi è stata la coppia composta da Clemente Bartolomeo ed Eugenio Ricciardone, che hanno battuto nella finalissima il presidente della Frosolonese, Pasquale Mangione, che ha giocato insieme con il 31enne Gianpiero Tamburri.

Un’accesa finale conclusa, comunque, tra gli applausi del folto pubblico presente a una kermesse, entrata di diritto nella storia sportiva di Frosolone, dedicata al Commendatore Quintino Pallante, imprenditore e indimenticato ex sindaco della cittadina.

A completare il podio sono stati i vinchiaturesi della società ‘La Torre’, Antonio Iacobucci e Gino Lanzillo (terzi), i quali si sono arresi in semifinale ai vincitori; e l’oratinese Loreto Tizzano in coppia con Patricio Bianchi, portacolori del ‘Comunale’ di San Salvo, che hanno chiuso al quarto posto la kermesse, perdendo cedendo in semifinale alla coppia Mangione-Tamburri.

Ai nastri di partenza del 12° memorial ‘Quintino Pallante’ sono state 64 coppie, provenienti dalle due province molisane e da quelle di Caserta, Benevento, Foggia, Chieti, L’Aquila e Frosinone. Il direttore di gara è stato Giovanni Colitti di Campobasso; gli arbitri delle fasi finali Marianna Di Mucci e Gino Colavecchia.

“Non potevamo chiedere di meglio come società organizzatrice – le affermazioni del presidente della Frosolonese, Pasquale Mangione –, considerando che due coppie della Frosolonese sono giunte fino alla finalissima. Io e Gianpiero Tamburri siamo arrivati secondi, ma devo dire che sono contento che ad aggiudicarsi la gara siano stati Clemente Bartolomeo ed Eugenio Ricciardone, i quali giocano sempre con tanto impegno e per entrambi è la prima vittoria in una manifestazione federale. Faccio i complimenti a loro e un abbraccio particolare va ad Eugenio, che ogni giorno viene fino a Frosolone da Roccamandolfi. Un bocciofilo che è stato, in un certo senso, adottato dalla comunità frosolonese”.

Intanto, il prossimo appuntamento è in programma domenica 9 novembre, quando è il Bocciodromo Comunale di Campobasso ad aver organizzato una gara a carattere regionale, specialità individuale.

Il mese di novembre sarà importante, perché dal 28 al 30 a Bologna è in programma la fase finale della Coppa Italia per Comitati Provinciali e l’edizione 2014 vedrà al via sia la rappresentativa di Campobasso, che quella di Isernia.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close