Sociale

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo: dall’altra parte della diagnosi

Ricorre oggi, 2 aprile, la Giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo.

Si sanno molte cose su questa sindrome: colpisce un bambino su 77, si diagnostica precocemente nella prima infanzia, colpisce più i maschietti rispetto alla femminucce, non è causata da vaccini e non esiste, al momento una terapia o una “ricetta magica” per curarlo. Ma dietro una diagnosi di autismo, però, ci sono sempre dei bambini e dei ragazzi.

L’emergenza sanitaria in atto ha costretto molti professionisti del settore a trovare varie strategie per sostenere, guidare e abbracciare le famiglie. Ciò è possibile tramite un lavoro a distanza, usando  molti strumenti messi a disposizione dalla tecnologia (smartphone, tablet, app) per garantire una continuità terapeutica a tutti i nostri piccoli e per non abbandonare i tantissimi genitori che contano sul nostro aiuto.

Se è vero che noi terapisti siamo le radici di un intervento educativo, la linfa vitale sono le mamme, i papà, i fratellini o le sorelline.

Pazienza, sorrisi, idee, super poteri, fantasia, inventiva danno la spinta per creare giochi e attività didattiche che aiutano a scandire le lunghe e noiose giornate che purtroppo tutti siamo costretti a vivere in questi giorni.

Guidare le famiglie attraverso un computer o uno smartphone, dà l’impressione di fare poco, troppo poco per una situazione così delicata, troppo poco per l’importantissimo ruolo che si ricopre. A volte ci sono tante variabili da tenere sotto controllo: i bambini sembrano annoiati di stare a casa, dormono poco e male, sono stanchi per i molti compiti da svolgere e, a volte, si scatenano anche comportamenti problema che rendono tutto ancora più difficoltoso.

Da questa emergenza abbiamo capito fortemente quanto è importante lavorare in RETE, condividendo successi e insuccessi, osservando i piccoli cambiamenti che giorno dopo giorno costellano le nostre giornate lavorative.

Oltre il personale medico sanitario che fronteggia questa pandemia nel mondo, eroi sono anche loro: i bambini e/o ragazzi con bisogni speciali e le loro famiglie.

Nella giornata di oggi particolarmente ma, anche in tutti gli altri giorni, un grazie di cuore va a loro.

“Il fiore che sboccia nelle avversità è il più raro e il più bello di tutti”.

Consapevolezza è anche questa.

Per aver contribuito alla creazione di questi disegni, ringrazio i bimbi speciali che li hanno realizzati e i professionisti del settore e non, che mi hanno aiutato a raccoglierli. 

#insiemeandrabene

Dott.ssa Valentina Primiani – Assistente Analista del comportamento in formazione

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close