Cronaca

Incendio boschivo colposo, a Cercemaggiore denunciato un uomo

Anche per l’anno in corso, per tutto il periodo di stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi, l’organizzazione Forestale dell’Arma dei Carabinieri ha predisposto ed avviato un dispositivo di prevenzione finalizzato a contenere il fenomeno e di contrasto verso le condotte illecite, di natura dolosa o colposa, causa dei roghi.

Un attento dispiegamento di forze specializzate, quindi, per il monitoraggio delle aree più a rischio o più sensibili al fenomeno, che ha portato in alcuni casi ad identificare e perseguire i responsabili degli incendi, come successo in ultimo a Cercemaggiore (CB), dove i militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Giuliano del Sannio (CB), dopo approfondite indagini, sono riusciti ad individuare un uomo di 68 anni presunto responsabile del reato di incendio boschivo colposo, divampato lo scorso 20 settembre in località Quartarelle, deferendolo all’Autorità Giudiziaria.

Le indagini hanno preso spunto dall’avvistamento diretto, da parte dei militari, di fiamme che, da un terreno incolto, si  stavano propagando al vicino bosco.

Il tempestivo intervento della pattuglia dei Carabinieri Forestali ha permesso si svolgere nell’immediatezza  le prime attività di indagine, per accertare, attraverso l’analisi delle evidenze fisiche, l’origine dell’incendio e  individuarne le cause, nonchè raccogliere elementi circa il presunto autore.

L’uomo, incurante delle alte temperature e del divieto di abbruciamento di residui vegetali vigente sull’intero territorio regionale, nel periodo dichiarato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, aveva proceduto alla ripulitura del fondo dalle erbe infestanti, innescando le fiamme che, sfuggite al controllo, hanno coinvolto un bosco di latifoglie e terreni incolti, interessando una superficie di circa 7.000 metri quadrati.

La violazione delle norme oltre a comportare sanzioni amministrative importanti, può determinare l’incriminazione per il reato di incendio boschivo punito, ai sensi dell’art. 423 bis del Codice Penale, con la reclusione da 1 a 5 anni, se colposo, e da 4 a 10 anni, se doloso.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

Preferenze sulla privacy

Necessari

— HTTP Cookie di navigazione www.cblive.it
Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.
Se disabiliti questo cookie, non saremo in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che ogni volta che visiti questo sito web dovrai abilitare o disabilitare nuovamente i cookie.

_gid

Google Analytics

— Google Analytics
— Google Analytics tracking cookie
Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari. Mantenere abilitati questi cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web

_ga,_gat

Google Adwords

Da Google -- Per aiutare i nostri partner a gestire la loro pubblicità e i loro siti web, offriamo molti prodotti, fra cui AdSense, AdWords, Google Analytics e una serie di servizi di DoubleClick. Quando visiti una pagina o visualizzi un annuncio che utilizza uno di questi prodotti, sui servizi Google o su altri siti e app, al tuo browser potrebbero essere inviati alcuni cookie.

I cookies possono essere impostati da diversi domini tra cui google.com, doubleclick.net, googlesyndication.com, o googleadservices.com, o il dominio dei siti dei nostri partners. Alcuni dei nostri prodotti pubblicitari permettono ai nostri partners di usare altri servizi integrandoli ai nostri ( come ad esempio un misuratore di pubblicità e un servizio di segnalazione), e questi servizi possono inviare il loro cookies al tuo browser. Questi cookies saranno impostati dai loro domini.

https://policies.google.com/technologies/ads?hl=it
https://support.google.com/adwordspolicy/answer/

test_cookie

error: Contenuto protetto !!
Close