Cronaca

12mila euro di reddito di cittadinanza: ma è un’imprenditrice che convive con un uomo benestante a Ferrazzano. Nei guai donna di origini bulgare

I Carabinieri di Mirabello denunciano imprenditrice 39enne

L’imprenditrice percepiva il Reddito di Cittadinanza, aveva dichiarato il falso per ottenere il beneficio. Si tratta del secondo caso in pochi giorni ad essere scoperto e denunciato alla Procura dai Carabinieri di Mirabello Sannitico.
Qualche giorno fa il caso di un soggetto di Campobasso che, per avere titolo al ‘Reddito di Cittadinanza’, aveva dichiarato la residenza a Mirabello Sannitico. Questa volta, invece, i militari dell’Arma hanno denunciato una donna. Si tratta di una trentanovenne di origine Bulgara da anni risiede in Italia. Ora la donna rischia una condanna fino a 6 anni di reclusione.
Grazie a un’attenta attività investigativa, i Carabinieri hanno accertato la falsità delle attestazioni rilasciate dalla richiedente, la quale, per ottenere il sussidio, aveva nascosto di convivere a Ferrazzano con un uomo titolare di un elevato reddito, situazione che non le avrebbe consentito di rientrare tra i beneficiari del reddito di cittadinanza. Difatti tale misura viene erogata ai nuclei familiari che possiedono alcuni requisiti, in maniera cumulativa. Fra i requisiti vi è un valore dell’ISEE inferiore a 9.360 euro, un valore del patrimonio immobiliare inferiore ai 30.000 euro, un valore del reddito familiare inferiore a 6.000 euro annui e via dicendo.
La stessa donna aveva, inoltre, dichiarato di essere una studentessa, omettendo di indicare all’INPS che era titolare di una società Bulgara, nonché comproprietaria, amministratrice e liquidatrice di altre società con sedi legali in Bulgaria, Albania e Italia. In questo modo l’imprenditrice percepiva indebitamente ilsussidio da parte dello Stato.
Così facendo, era riuscita a percepire la somma di 12mila euro, cifra che dovrà interamente restituire all’ente erogatore.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

Close