Regionali 2018, Centro Democratico: “Sconsigliate fughe in avanti, ma sia un centrosinistra che non guardi a destra”

centro democratico“Centro Democratico è stato ed è un leale alleato del Partito Democratico, è una componente di riferimento del centrosinistra nazionale, regionale e comunale ove presente; lo sarà fino alla fine della legislatura, fino alla fine dei mandati; ovunque si è vinto con l’apporto seppur modesto di Centro Democratico: nessuno ha pagato il conto, a qualsiasi livello, eppure ovunque non ci sono tentennamenti; i distinguo su specifici argomenti o su prese di posizioni calate dall’alto sono prova dell’attenzione, dell’autonomia e della vitalità di Centro Democratico e dei suoi esponenti”. A scriverlo, in una nota, sono Luigi D’Orsi, segretario regionale, e Felice Di Donato, componente della direzione nazionale di Centro Democratico.

“A Napoli – proseguono D’Orsi e Di Donatosi è tenuta l’Assemblea Nazionale del Centro Democratico, ospiti del Presidente Bruno Tabacci  sono intervenuti Pisapia, Bersani, Cuperlo ed altri esponenti del Centrosinistra; come da aspettative è stato evocato un centrosinistra inclusivo che non guardi a destra e che sfidi il Movimento 5 Stelle”.

“Sabato 1° luglio a Roma – annunciano i due componenti molisani di Centro Democraticosarà ufficializzata la nascita di ‘Insieme’ e Pisapia, suo ispiratore, può contare sulla inclusione di Centro Democratico; già da tempo Bruno Tabacci e Centro Democratico sono in sintonia con Pisapia, prova ne è la partecipazione di Centro Democratico al Campo Progressista di Pisapia fin dalla sua gestazione e poi  nascita l’11 marzo  scorso”.

“Centro Democratico – prosegue la nota vuole contribuire alla formazione di quel centrosinistra inclusivo, che non guardi a destra e che sfidi il Movimento 5 Stelle, a livello nazionale, regionale e comunale ove possibile. La rutilante attività politica nazionale che osserviamo quale conseguenza dei fatti legati all’ultimo referendum ed al tentativo di legge elettorale ci conferma la necessità di primarie, peraltro mai negate in Molise dal PD, ma il punto è: ci saranno coalizioni? E di quale coalizione si tratterà? Dopo il 1° luglio inevitabilmente si apriranno nuovi scenari che determineranno i futuri schieramenti nazionali, che a loro volta influenzeranno quelli regionali. Occorre aspettare, fughe in avanti non sono consigliate. Per quanto innanzi il Centro Democratico del  Molise ha sentito di dover dare un seguito al comunicato stampa del centrosinistra molisano per affermare che non c’è stata e mai ci sarà alcuna sua ingerenza o presa di posizione a qualsiasi livello nei fatti e nelle azioni proprie ed interne del PD molisano e dei suoi esponenti. Rivendica, altresì, gli stimoli profusi nelle riunioni di maggioranza, poche per il vero, stimoli e considerazioni finalizzate a sollecitare azioni di buon governo così come prospettate in campagna elettorale e così come in parte ancora attese dal popolo molisano; confida, inoltre, in un colpo di coda del PD e degli altri alleati teso a conseguire atti lungimiranti e di buona amministrazione in quest’ultimo scorcio di legislatura”.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close