Istituzione Parco Nazionale del Matese, il PD: “Il Molise deve credere nella green economy”

Il segretario regionale del Partito Democratico, Micaela Fanelli
Il segretario regionale del Partito Democratico, Micaela Fanelli

Il Partito Democratico del Molise esprime soddisfazione per l’approvazione in Commissione Bilancio del Senato dell’emendamento che istituisce il Parco del Matese.

“Lo scorso 25 ottobre la Segreteria regionale ha proposto un emendamento specifico alla Legge di Stabilità 2018, al fine di accelerare i tempi ed evitare di inficiare l’approvazione definitiva della riforma della legge sulle aree protette – ricorda Antonio Tomassone, responsabile ambiente del PD MoliseAbbiamo quindi inviato ai nostri Parlamentari la bozza normativa da presentare alla legge di stabilità per poter anticipare i tempi e chiudere il prima possibile l’istituzione del Parco. Ed è notizia di oggi che, con il parere favorevole dei relatori e del Governo, la Commissione Bilancio del Senato ha dato il via libera alla nascita del Parco Nazionale del Matese. La soddisfazione è infinita – continua TomassoneI tempi sulla riforma della legge sulle aree protette si stavano allungando e l’unico modo per blindare il Parco era la legge di bilancio. Un lavoro di squadra del PD Molise che insieme ai parlamentari molisani e nazionali ha permesso di arrivare a questo grandioso risultato per il Matese e tutto il Molise. A dimostrazione che quando il PD va unito attesta tutta la sua capacità e forza politica”.

“Ci siamo – ha dichiarato il segretario Pd Molise, Micaela Fanelligrazie all’intuizione di Antonio Tomassone, che per primo si è accorto della possibilità di inserire la norma istitutiva nella legge di Bilancio, grazie al lavoro di squadra della segreteria, di amministratori, parlamentari, associazioni locali e ambientaliste che da anni si battono per il nostro Parco nazionale e soprattutto grazie alla sensibilità del Governo nazionale, è stata posta una pietra miliare, dopo oltre trent’anni di attesa”.

“L’articolo specifico per l’Istituzione del Parco del Matese era già contenuto nella riforma della legge quadro sulle aree protette 394/91 ferma in Commissione Ambiente al Senato, mentre le coperture finanziarie erano già state individuate nella riforma della 394/91 e vistate dalla stessa Ragioneria di Stato e dal Ministero dell’Economia e Finanze – ha spiegato il responsabile Ambiente del Pd Molisedopo essere stata approvata in prima lettura a Palazzo Madama ed in seconda alla Camera dove, con successive modifiche, è ritornata all’attenzione del Senato. L’approvazione dell’emendamento alla Legge di Bilancio concretizza dunque una speranza comune: quella di tutelare un’area straordinaria dell’Appennino e di porre un tassello fondamentale per il futuro della nostra regione, che ha tutte le carte in regola per diventare un’alternativa concreta e valida di sviluppo”.

“Il Molise deve credere nella green economy – ha concluso Antonio TomassoneIl rapporto Green Italy di Symbola afferma che puntando sulla sostenibilità e sull’economia circolare si guadagna in competitività, rispettando l’ambiente e le persone, creando posti di lavoro grazie alla leva sui saperi tradizionali coniugati alla ricerca e all’innovazione. E da qui potrebbe giungere un futuro più desiderabile per il Paese, più equo, più sostenibile e insieme meno fragile. Proprio per questo, dopo aver incassato l’importante risultato del Parco del Matese, il PD Molise non si ferma e raccoglie l’invito di Legambiente a Castel del Giudice per la creazione in di un parco regionale in Alto Molise”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close