Cotugno plaude all’autonomia regionale e strizza l’occhio al progetto delle Federazioni tra Regioni

Vincenzo Cotugno, presidente del Consiglio regionale del Molise
Vincenzo Cotugno, presidente del Consiglio regionale del Molise

Intervenendo ad un convegno tenutosi a Campobasso sulla “Questione regionale”, il presidente del Consiglio regionale del Molise, Vincenzo Cotugno, ha rimarcato l’importanza dell’autonomia della Regione, riaprendo il dibattito sulla costituzione della Federazione della Marca-Adriatica.

Il dibattito sul Regionalismo – ha detto – torna periodicamente di attualità nell’opinione pubblica, il più delle volte con giudizi assai negativi sulle istituzioni regionali, mi riferisco alla stessa validità delle Regioni nel nostro ordinamento, alla loro esistenza e alla loro dimensione, ipotizzando anche riforme istituzionali radicali. Sin dalla loro costituzione, le Regioni, per il loro ruolo e soprattutto per i relativi costi e molte volte per gli sprechi eccessivi, sono sempre state argomento fortemente dibattuto”.

Negli anni ’90 il professore Gianfranco Miglio propose una forma di Stato confederale con 3 macroregioni: Padania, Etruria e Mediterranea; Qualche anno dopo la Fondazione Agnelli ripropose il tema delle macroregioni, individuandone 12, con accorpamenti che richiedevano almeno 3 milioni di abitanti; Da ultimo, una proposta di legge costituzionale a firma dell’On. Roberto Morassut, poi ritirata), ha riaperto il dibattito, sempre portando a 12 il numero delle Regioni, ma con divisioni territoriali diverse e la fusione di alcune delle attuali Regioni.

Che ci sia la necessità – ha proseguito Cotugno – di creare enti territoriali più grandi, al fine di realizzare economie di scala e perseguire un’ottimizzazione delle strutture e della spesa, non vi è dubbio. Siamo nell’epoca delle grandi agglomerazioni e delle dimensioni planetarie, la stessa Europa con i suoi 500 milioni di cittadini appare “piccola” di fronte ai colossi asiatici”.

Proprio su questi temi, il 31 ottobre 2014, a Campobasso, un incontro-dibattito di respiro nazionale, promosso dal professore Di Giandomenico, dal titolo “La Marca Adriatica”, in seguito al quale lo Svimez produsse uno studio i cui risultati furono ampiamente positivi, cosi come gli interventi dei politici abruzzesi, marchigiani e molisani. Il dibattito, però, si è arenato, sepolto dai piccoli e grandi affanni quotidiani di ognuno.

Io credo che questo progetto possa essere ripreso – la proposta del presidente Cotugno  – in quanto oltre a non mortificare l’orgoglio di appartenenza di tante comunità, non è un progetto calato dall’alto con una molto improbabile riforma costituzionale, ma che parte, democraticamente, proprio dal basso. Si potrebbe parlare di Federazione tra Regioni. Il tutto è racchiuso nell’art. 117 della Carta Costituzionale, che al comma 8 prevede: La legge regionale ratifica le intese della Regione con altre Regioni, per il migliore esercizio delle proprie funzioni, anche con l’individuazione di organi comuni. Questa norma offre ampio spazio per un’iniziativa di collaborazione volontaria tra la nostra regione – continua il Cotugno – ed eventualmente con l’Abruzzo, Marche ed Umbria, per una popolazione totale di poco meno di 3 milioni di cittadini. Non occorre il placet dello Stato centrale, né tanto meno una modifica costituzionale. Potremmo immaginare un sodalizio battezzandolo come Federazione Marca Adriatica, anche sulla scorta di quanto previsto dallo studio della Fondazione Agnelli. Creare quindi organi comuni, ma con il mantenimento, per ognuna di essa, dell’autonomia istituzionale e politica, senza prevaricare l’identità e le specificità delle singole popolazioni. Gli organi comuni potrebbero costituirsi e funzionare sulla falsariga di quelli dell’Unione Europea – propone Cotugno – con esecutivi formati dai rispettivi assessori regionali, che coordinerebbero a turno, come a turno dovrebbe essere esercitata la presidenza e fissata la sede, evitando ulteriori pesanti burocrazie inutili e costose ed utilizzando esclusivamente le strutture esistenti. Un accordo che segnerebbe l’avvio di un percorso positivo per la ripresa del dibattito sulle riforme, uscendo dalla sterile polemica “Regioni si – Regioni no” e dimostrando capacità progettuale ed attaccamento al proprio territorio, ma mantenendo un respiro italiano ed europeo. Con la prossima consiliatura credo fermamente alla necessità ed opportunità di riprendere questo argomento con il coinvolgimento dello stesso Prof. Di Giandomenico, promotore dell’incontro sulla Marca-Adriatica, e della nostra UNIMOL. Un tema da me informalmente già posto all’attenzione dei colleghi di Abruzzo, Marche ed Umbria. Credo che oggi la vera sfida per istituzioni e classe dirigente sia proprio questa –  conclude il presidente Cotugno – riuscire a trovare il giusto equilibrio tra le ragioni del funzionalismo economico e quelle di una comunità  che non vuole e non deve rinunciare alla sua identità”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close