Sport

Campionati Nazionali Universitari al via, cinquantuno atenei italiani e tremila atleti in gara

La settantaduesima Campionati Nazionali Universitari, organizzati da Unimol e Cus, con il sostegno della Regione Molise e la collaborazione di dodici Comuni hanno preso il via.

Sono tremila gli atleti impegnati nelle competizioni sportive di 51 atenei italiani. Ventotto le discipline sportive, ventinove gli impianti utilizzati, trecento i volontari impiegati in undici giorni.

Nello splendido scenario del Palaunimol, il cerimoniale si è aperto con l’inno di Mameli e l’inno alla gioia dell’Unione Europea seguiti dai saluti delle autorità, poi i volteggi con la grazia delle ginnaste della ritmica che hanno entusiasmato i presenti e, in chiusura, il tradizionale e solenne giuramento degli atleti, dei giudici di gara e dei tecnici e dalla dichiarazione d’apertura pronunciata congiuntamente dal Rettore dell’Unimol, Palmieri, e dal Prefetto di Campobasso, Guia Federico.

Una cerimonia di inaugurazione lineare, ma emotivamente piena e coinvolgente. Dopo l’esecuzione degli inni da parte del coro dell’Unimol con presentatrice Tiziana Todisco, la fase dei discorsi si aperta con il Magnifico Rettore, Gianmaria Palmieri, che ha parlato del parallelismo tra università e mondo dello sport con il riferimento alla ricerca del mondo dei talenti e al team working, invitando gli studenti d’Ateneo ad essere Ciceroni sul territorio e a godersi questo momento straordinario.

“Ringrazio tutti i presenti e tutte le persone che hanno lavorato e stanno lavorando per questo grande evento – ha spiegato – ringrazio il CUSI che ci ha dato fiducia e agli atleti dico di godersi questo splendido momento. L’Università e lo sport, insieme aiutano a crescere. È una splendida manifestazione”.

Il governatore della Regione Molise, Donato Toma, ha annunciato il ritorno dell’assessorato allo Sport, alla Cultura ed al Turismo, facendo riferimento ad un evento che ha una valenza fortissima come marketing territoriale.

“I Cnu rappresentano un evento straordinario per tutto il Molise – ha detto – e siamo contentissimi di questo”.

A prendere la parola poi è stato il presidente del comitato organizzatore locale, Raffaele Pagano, che ha parlato di una sfida di servizio per i valori dello sport e l’idea di coinvolgimento dell’intero territorio, e in particolare di San Giuliano di Puglia legata al mondo paralimpico.

“Quando il Magnifico Rettore ha deciso di darmi questo incarico – spiega – non ho esitato un solo istante perché sapevo che avevo alle spalle una grande Università. Un grazie al CUSI nella persona del presidente Lentini, alle istituzioni e alle aziende molisane che hanno deciso di accompagnarci in questa avventura”.

Il delegato allo sport del Rettore, professore Germano Guerra si è poi soffermato sul valore della sfida dei Cnu.

“Un grande in bocca al lupo a tutti gli atleti che saranno impegnati nelle varie discipline”, ha sottolineato, mentre il presidente del Cus Molise, Maurizio Rivellino, si è focalizzato sull’aspetto sociale e sul riferimento che il Cus riveste sul territorio del Cus. “Siamo felici di rivestire questo ruolo non solo in manifestazioni così importanti, ma più in generale. Grazie a chi ha lavorato e continua a farlo per questo evento e ne siamo davvero orgogliosi. Grazie a tutte le autorità presenti e a chi ha deciso di darci fiducia”.

I presidenti delle due Province, Battista e Coia, hanno parlato del valore dell’ospitalità del territorio per l’evento, elogiato poi dal presidente del Cusi Lorenzo Lentini, che si è detto orgoglioso del lavoro portato avanti dal Molise per la kermesse.

L’esibizione di ginnastica ritmica con impegnate le atlete nel giro della Nazionale, Chiara Vignolini, e Martina Brambilla e della squadra Cinque Funi allievi dell’Armonia d’Abruzzo è stata l’occasione di intermezzo prima della fase protocollare con la presenza anche di Eddy Ottoz.

Particolarmente toccante, infatti, è stato il momento del giuramento. Per gli atleti la voce è stata quella di Lisa Sandonnini, la karateka medaglia d’oro per il Cus Molise agli scorsi Cnu di Catania.

Per i direttori di gara i sentimenti di probità e rispetto delle regole sono stati fatti propri da Stefano Lombardi, giudice arbitro di tennis.

A prestare il giuramento per i tecnici, infine, è stato Marco Sanginario, trainer del team di futsal vincitore dell’evento catanese.

L’epilogo è stato con la classica dichiarazione di apertura della rassegna fatta congiuntamente dal rettore Palmieri e dal prefetto di Campobasso Guia Federico.

I Cnu hanno avviato i motori: saranno nove giorni intensi di gare sugli impianti sportivi molisani.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close