Comune

Covid-19, Colagiovanni pensa al dopo: “Si rischia il collasso del sistema. Servono decisioni forti e ‘rischiose’ per salvare il commercio e posti di lavoro”

“Mi preme, innanzitutto, unirmi al minuto di raccoglimento di questa mattina per ricordare le oltre undicimila vittime del Covid-19, ringraziando tutti coloro che stanno lavorando quotidianamente per contribuire a superare questo terribile periodo. Un momento di raccoglimento anche per guardare al futuro con speranza. Un futuro sul quale occorre iniziare a pensare in tutta Italia e, in Molise, in particolar modo”. Ad affermalo è il consigliere comunale dei Popolari per l’Italia, Salvatore Colagiovanni.

“Mi riferisco a un settore che porto nel cuore e con i cui operatori ho avuto modo di lavorare, quotidianamente, a stretto contatto per quattro anni – prosegue l’ex assessore alle Attività Produttive del Comune di Campobasso Mi riferisco al commercio cittadino, un settore già in crisi e sul quale potrebbe abbattersi la scure della pandemia. Anzi, sicuramente si abbatterà. Si rischia un crollo verticale di tutto il sistema. Il tema, oggi, è importante: dal Governo, passando per la Regione Molise, per finire al Comune di Campobasso, occorre prendere atto che servono misure forti per salvaguardare le aziende, dalle più grandi alle più piccole, e di conseguenza salvare migliaia di posti di lavoro”.

“Per una città come Campobasso, già provata da una forte crisi occupazionale, la crisi del piccolo e medio commercio farebbe saltare tanti posti di lavoro, gettando nella disperazione migliaia di famiglie. Servono misure forti per permettere a tanti di rialzare le saracinesche. Posticipare i pagamenti non è una misura che può reggere. Senza liquidità sarà difficile per tanti far fronte ai propri impegni – continua Colagiovanni – Il Comune di Campobasso dovrebbe aprire un tavolo di concertazione con la Regione Molise per concordare soluzioni finalizzate a risollevare la situazione di tutti. Dai più grandi imprenditori fino ai piccoli commercianti si trovano tutti sulla stessa barca. Manca la liquidità per far fronte agli impegni economici e fiscali. La realtà è questa. Il mio pensiero va già al dopo. A un dopo che potrebbe vedere una città con migliaia di cittadini allo sbando”.

“La mia non è una polemica. Assolutamente. Ma una riflessione sul dopo – conclude il consigliere comunale di Palazzo San Giorgio Occorre pensare a quel che sarà il post-pandemia. Mi preoccupa la mia città, la mia regione. Temo che possa scoppiare una crisi senza precedenti. Per questo servono misure forti, senza paura. È compito di chi amministra oggi stare vicini ai cittadini, assumendosi responsabilità di fare ripartire un territorio anche con decisioni rischiose”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close