CB e dintorniComune

Scuola Mascione, all’esame di Palazzo San Giorgio il destino dell’edificio. Genitori in protesta: “Il polo scolastico deve restare nella contrada”

scuola_mascione_protesta
La protesta in piazza Vittorio Emanuele

Nelle carte consegnate dall’Unimol al Comune di Campobasso è scritto il destino della scuola di contrada Casale, a Mascione. La documentazione sulla “vita residua” dell’edificio, come conferma il primo cittadino durante la seduta del Consiglio comunale nella quale gli assessori relazionano sulle attività del proprio mandato, è stata depositata a Palazzo San Giorgio.

Il contenuto, però, ancora non è stato esaminato.Lo farò certamente in giornata”, dice ancora Battista impegnato nella seduta dell’assise civica. Il tutto avverrà insieme ai dipendenti del settore preposto. Fino a quel momento, dunque, non è possibile prendere posizione o progettare il futuro. A differenza della protesta che, però, “non aspetta fino a domani”. Genitori e bambini della scuola sono in piazza Vittorio Emanuele II e, sotto alle finestre di Palazzo San Giorgio, chiedono agli amministratori di scendere.

Ci sono gli scolari con i fischietti che hanno accompagnato i loro nonni e i loro genitori e ci sono i rappresentanti d’Istituto che chiedono con determinazione risposte precise. “Vogliamo sapere – dice infatti Salvatore Tronca, uno di loro – se adeguarla o ricostruirla, ma in ogni caso la cosa che più ci preme è avere la certezza che ci siano fondi disponibili per agire nell’immediato. Al momento non abbiamo nessuna notizia sicura sui fondi Bei che dovrebbero arrivare e servire per la causa. I fondi Cipe destinati all’edificio di Mascione sono stati dirottati per altri istituti e, ora, noi chiediamo risposte concrete”. Qualunque sia la soluzione per i genitori la cosa più importante è, tuttavia, che la scuola resti nella contrada.

“Si tratta di un presidio culturale, sociale e territoriale della zona a cui far riferimento, ecco perché non saremo disposti a nessuna soluzione alternativa che possa prevedere un polo scolastico altrove”, conclude poi Tronca poco prima che una delegazione dei genitori sia ricevuta dal primo cittadino.

fab.abb.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close