News dal Molise

Differenziazione dei rifiuti, premiati gli studenti di Mirabello vincitori del premio nazionale ‘Una Pila Alla Volta’

Nella mattinata odierna, il Presidente del Consiglio regionale, Salvatore Micone, ha incontrato gli studenti della Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo Matese di Mirabello Sannitico, accompagnati dal sindaco Angelo Miniello, dal dirigente scolastico Nazzareno Miele, dal professor Fornaro e dalla professoressa Minicucci.

Il Presidente ci ha tenuto fortemente a voler incontrare i ragazzi che sono risultati vincitori del Concorso nazionale ‘Una Pila Alla Volta’, promosso dal Centro di Coordinamento Nazionale Pile ed Accumulatori in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Il concorso ha inteso sensibilizzare gli studenti sul tema importante del riciclo e della differenziazione dei rifiuti, nello specifico di quelli derivanti da pile ed accumulatori portatili.

Ad esso hanno partecipato 23 squadre di studenti molisani, di cui 6 sono state premiate. I ragazzi dell’Istituto Comprensivo, dopo aver superato una fase preliminare del contest nazionale ed aver brillantemente affrontato con successo le prove finali, si sono aggiudicati il primo posto di Campioni Italiani di Raccolta Differenziata di pile ed accumulatori portatili, sia nella categoria ‘Scuola/Cultura’ che nella categoria ‘Sport/Tempo Libero’.

 “Siete orgoglio e fonte di emozioni  – ha affermato il Presidente Micone, rivolgendosi ai ragazzi – che con la vostra curiosità, tenacia ed entusiasmo avete portando in alto il nome della vostra scuola e della nostra amata regione. Di questo voglio ringraziarvi perché siete voi i veri protagonisti di questa entusiasmante esperienza, ricca di esempio e valori, attraverso la quale avete trattato problemi attuali di un’importanza estrema, quali la sensibilizzazione e la tutela dell’ambiente, la promozione del riciclo e della differenziazione dei rifiuti. Temi che vanno affrontati sin da bambini perché ci sono regole che quotidianamente noi tutti dobbiamo conoscere e rispettare, nessuno escluso.”

“Il rispetto di sé stessi, degli altri e della comunità di appartenenza – ha continuato Micone– divengono sempre più importanti in un mondo come il nostro, dove i percorsi di maturazione interiore si devono accompagnare alla conoscenza di ciò che ci circonda e delle problematiche esistenti. In tale contesto, la scuola è il fulcro centrale di formazione dei nostri ragazzi, in quanto contribuisce alla comprensione della realtà vicina e lontana attraverso un’educazione che spinge lo studente a fare scelte autonome e feconde, quale risultato di un confronto continuo della sua progettualità con i valori che orientano la società in cui vive.  Le giovani generazioni, in tale percorso di educazione e crescita, devono essere presi per mano da una rete di soggetti quali famiglie, scuola, Istituzioni, che incontrano nel loro cammino quotidiano e che hanno il dovere corale e morale di sostenere la loro formazione civile, democratica ed attiva. E solo creando questa rete possiamo rafforzare la consapevolezza che l’ambiente è un bene da tutelare e valorizzare anche realizzando opere grandiose, proprio come è stato fatto con il concorso che vi ha visto vincitori”.

Il Presidente ha ricordato – “Anche il Consiglio regionale si mostra sensibile di fronte tale tema così importante ed in tal senso è stata messa in campo l’iniziativa “Consiglio regionale Plastic free” che testimonia la volontà di fornire il suo contributo fattivo alle strategie europee di protezione ambientale attivando, all’interno delle strutture del Consiglio regionale, un graduale programma finalizzato alla riduzione ed alla progressiva eliminazione e sostituzione di prodotti monouso in plastica e poliaccoppiato di uso comune e singolo”.

Durante l’incontro, Miniello ha sottolineato l’importanza di dover promuovere comportamenti di cittadinanza attiva anche a tutela dell’ambiente e del benessere comune e che è molto importante far comprendere ai bambini le “ragioni” delle regole e sensibilizzarli alla necessità di rispettarle. La regola aiuta ad avere punti di riferimento, a sentirsi protetti, ad avere elementi per “misurare” le proprie abilità, e ciò può avvenire solo se si è orientati dalle regole fondate sulla condivisione e il rispetto di sé stessi, degli altri, dell’ambiente.

Il dirigente scolastico, insieme al personale docente, ha voluto ribadire con quanto entusiasmo e desiderio i ragazzi hanno partecipato a tale concorso e di come la scuola si dedichi alla tematica dei rifiuti e delle problematiche connesse alla loro gestione, all’educazione al recupero attraverso la progettazione e la realizzazione di manufatti, utilizzando materiali di rifiuto, allo sviluppo del senso di appartenenza degli studenti al territorio che li circonda ed alla promozione della responsabilità sociale e civile di ogni studente.

Infine, hanno preso parola i ragazzi ricordando i momenti salienti vissuti e le emozioni provate durante questa bellissima e riuscitissima esperienza.

Micone per ringraziare i ragazzi li ha omaggiati con una targa riportante la frase celebre frase di Andy Warhol “Credo che la terra sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare”.                                              

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close