CittàComune

Eventi nei quartieri e talenti locali: l’estate campobassana tra musica, cinema, sport e storia. Cartellone da 32mila euro

Il 1° agosto Campobasso ha il suo cartellone di eventi estivi. A presentarlo l’assessore alla Cultura di Palazzo San Giorgio, Lidia De Benedittis.  Quasi una corsa contro il tempo la sua, nominata solo lo scorso 5 luglio dal sindaco Battista che, però, ha voluto precisare come l’estate campobassana non sia partita in ritardo, perché da sempre accoglie all’interno del proprio cartellone anche una serie di iniziative promosse da diverse associazioni”.

Il riferimento nemmeno tanto vago dell’esponente dell’esecutivo è, dunque, alle critiche mosse dalle minoranze in relazione alla delibera con la quale la Giunta, lo scorso 16 luglio, aveva già destinato più di 10mila euro a manifestazioni promosse da diverse realtà associative del capoluogo.

Sugli eventi che Palazzo San Giorgio ha fatto suoi, la De Benedittis ha poi tenuto a sottolineare come il calendario delle manifestazioni abbia voluto tener conto di tre obiettivi: la varietà delle proposte, la valorizzazione dei talenti molisani, nonché un percorso di delocalizzazione delle manifestazioni.

All’interno, dunque, del cartellone estivo si spazierà tra musica, teatro, sport e cinema. Inoltre, se uno spazio sarà riservato ai talenti del capoluogo, di cui spesso anche la medesima città ne ignora l’esistenza, le manifestazioni coinvolgeranno anche i quartieri e non solo il centro cittadino.

“Abbiamo pensato – le parole della De Benettisi – sia ai campobassani che ai turisti che, ci auguriamo, nel mese di agosto, siano presenti in gran numero nella città. Ma l’obiettivo che ci siamo prefissati è stato anche quello di raggiungere il massimo numero di destinatari possibili delocalizzando le iniziative in diverse posti della città”.

Spazio, inoltre, anche al padre degli Ingegni, Paolo Saverio Di Zinno, la cui storia potrà essere conosciuta più da vicino attraverso una serie di visite guidate che si terranno nel mese di agosto e che saranno a cura dell’associazione Muse. Percorsi che, in qualche modo, vogliono proiettare i campobassani verso i festeggiamenti che nel mese di dicembre saranno dedicati ai 300 anni dalla sua nascita.

Poco più di 21mila euro il costo del cartellone. Cifra quest’ultima che sarà prelevata dal Fondo di Riserva e che va sommata ai 10mila 700 euro che la Giunta aveva già messo in palio con la delibera numero 163 del 16 luglio scorso. Complessivamente l’estate campobassana avrà, dunque, un costo di oltre 32mila euro.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close