Cronaca

Larino, estorsione e minacce ai danni di un residente. I Carabinieri arrestano due uomini ritenuti i capi di un’organizzazione criminale

carabinieri larino
La conferenza stampa dei Carabinieri di Larino

I Carabinieri della Compagnia di Larino, dopo indagini durate alcuni mesi, hanno arrestato due residenti nel centro frentano, un 46enne e un 48enne, ritenuti i capi di un gruppo criminale specializzato in estorsioni.

R. G. di 46 anni e T. F. di 48 anni (queste le loro iniziali) sono stati rinchiusi nel carcere di Larino, ritenuti responsabili di richieste ingiustificate di denaro sotto minaccia di ritorsioni e pestaggi. A denunciarne l’accaduto un uomo vittima di minacce ed estorsioni.

I militari dell’Arma, guidati dal Maggiore Alessandro Dominici, dopo la denuncia del larinese, hanno accertato i reati e, nel corso delle indagini, erano stati già privati della libertà personale altri due malviventi, C.V. di 25 anni e C.L. di 47 anni, che a febbraio scorso furono sorpresi in flagranza di reato nei pressi della stazione di Larino, intenti a privare il malcapitato di 300 euro.

Le minacce ai danni dell’uomo non sono terminate nemmeno dopo i due arresti e, nelle ultime settimane, gli altri due malviventi hanno più volte telefonato e trascinato la vittima, attraverso un inganno, in un casolare di campagna, pretendendo denaro e minacciandolo di farlo picchiare da altri uomini.

I Carabinieri di Larino hanno indagato per otto mesi e, grazie all’aiuto della vittima, sono arrivati all’arresto dei due uomini, ritenuti i capi dell’organizzazione criminale.

I dettagli sono stati spiegati nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso la Compagnia dei Carabinieri di Larino.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close