CB e dintorniCronaca

Trivento, raggirano una 94enne ma le telecamere li inchiodano. Denunciati due campani

Nei giorni scorsi i Carabinieri di Trivento hanno chiuso il cerchio di una attività investigativa intrapresa a seguito di una truffa perpetrata in danno di una persona anziana.

Era circa mezzogiorno di un giorno di inizio estate, quando l’anziana donna residente a Trivento, ha ricevuto una telefonata da un uomo che, presentatosi come avvocato del figlio, le diceva che quest’ultimo era rimasto coinvolto in un sinistro stradale grave e che per evitargli l’arresto, era necessario corrispondere subito una somma di denaro. Lo stesso interlocutore avvisava poi la donna che a breve sarebbe passato un suo collaboratore a ritirare la somma.

Infatti, dopo un brevissimo lasso di tempo, in un modus operandi ormai collaudato, un giovane ha suonato al portone della nonnina di 94 anni per ricevere dalla stessa 2mila euro e qualche monile in oro, atteso che la richiesta del fantomatico avvocato era superiore e non poteva essere soddisfatta solo con il denaro a disposizione.

Il giovane truffatore in un brevissimo lasso di tempo ha poi fatto perdere le proprie tracce, dileguandosi per le vie del centro cittadino.

Solo all’arrivo dei figli dell’anziana donna, questa si avvedeva di quanto capitatole.

Immediata la denuncia ai Carabinieri, che da subito hanno attivato una proficua indagine. Infatti nel volgere di poco tempo sono state acquisite tutte le telecamere di videosorveglianza sia di private dimore che di esercizi pubblici e proprio una di queste aveva immortalato l’autovettura con la quale il giovane e un complice si erano recati a casa della persona anziana per ottenere il denaro.

Una serie di accertamenti e riscontri info–investigativi hanno così consentito agli uomini dell’Arma di risalire al reale utilizzatore del veicolo e al ragazzo che si era presentato a casa della nonnina, la quale interpellata ha riconosciuto senza alcun dubbio il ragazzo. Riconoscimento effettuato anche da alcuni testimoni oculari che li avevano visti allontanare a forte velocità dalla casa della donna.

Un 43enne ed un 34enne, entrambe di origine partenopea e con svariati precedenti penali a carico, sono stati denunciati e dovranno rispondere di truffa in concorso aggravata per essere stata commessa in danno di persona anziana.

È proprio il caso di dirlo che “andare a scuola” non guasta mai a nessuna età, infatti, proprio a Trivento, agli inizi dello scorso mese di dicembre erano saliti in cattedra i Carabinieri e gli alunni altro non erano che gli anziani del paese.

Nella circostanza erano stati indottrinati proprio per non cadere nei tentativi di raggiro che i malviventi pongono in essere nei confronti delle fasce più deboli, le quali, alla prospettazione di una presunta esigenza imminente di un loro familiare e/o di un incidente stradale o di un legale da pagare, cadono nella rete dei truffatori, elargendo loro somme di denaro, anche ingenti, come la richiesta ricevuta dall’anziana nella mattinata di martedì.

La campagna di sensibilizzazione, che è ancora in atto in altri comuni del territorio, rientra in un più ampio concetto di “prossimità”, mediante la realizzazione di una serie articolata di interventi che hanno, quale comune denominatore, la centralità del cittadino ed il rapporto con esso, nell’ambito del quale ogni appartenente all’Arma dei Carabinieri rivolge la propria azione, oltre che nel campo della prevenzione e repressione dei reati, anche nel più arduo compito della “rassicurazione sociale”, concretizzata nel senso di “vicinanza” alla popolazione.

Il Comando dei Carabinieri di Bojano, ha in programma nuove iniziative di sensibilizzazione e prevenzione volte proprio a sollecitare l’attenzione delle fasce più deboli e maggiormente a rischio.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close