Fondo nazionale per le non autosufficienze ai disabili gravi e gravissimi del Molise, anno 2015: nota del servizio regionale Politiche Sociali

Palazzo Vitale
Palazzo Vitale

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO NOTA STAMPA DAL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI DELLA REGIONE MOLISE

A seguito di alcune estemporanee considerazioni riportate dagli organi di stampa in questi giorni, si ritiene indispensabile fornire ulteriori elementi di chiarezza circa la programmazione regionale in materia di non autosufficienza.

Tanto, al fine di non infondere immotivata preoccupazione relativamente all’utilizzo dei fondi assegnati dal Ministero delle politiche sociali e soprattutto insicurezza in persone le cui condizioni esistenziali sono gravate da difficoltà e privazioni serie.

La Regione Molise non dovrà restituire parte dei fondi ministeriali, l’intero importo €. 2.691.000,00 è stato impegnato e già liquidato per il 60% in favore degli Ambiti Territoriali Sociali. Non appena gli ATS trasmetteranno gli atti con cui approvano la rendicontazione delle somme già trasferite, la Regione provvederà alla liquidazione del saldo.

La Regione Molise ha scelto di destinare l’intero importo assegnato dal Ministero ai disabili gravi e gravissimi: agli stessi la Regione assicura il necessario sostegno attraverso l’erogazione di contributi ai care giver o voucher per l’acquisto di servizi domiciliari. La prima forma di assistenza, per la quale nel Programma FNA 2016 è destinato un importo maggiore, nel tempo dovrà, per disposizioni ministeriali, essere superata in favore della sola erogazione di servizi.

L’avviso per l’accesso ai benefici relativi al Programma FNA 2016 è stato pubblicato a cura degli ATS dal 20 aprile al 10 maggio scorsi e allo stato è in corso di svolgimento il lavoro istruttorio delle istanze presentate. Allo scopo di conciliare gli interventi di cui al FNA 2015 e FNA 2016, esigenza determinata dal ritardo registrato nell’approvazione delle graduatorie degli aventi diritto, si è stabilito di riconoscere con decorrenza retroattiva i contributi ai care giver e di integrare le ore di assistenza domiciliare maturate con il FNA 2015 con quelle assicurate con il FNA 2016.

Si auspica che le precisazioni fornite fughino ogni residua incertezza e contribuiscano a restituire fiducia ai familiari delle persone disabili a cui tutti dobbiamo attenzione e rispetto.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close