Il Royal Ballet of Moskow riapre la stagione teatrale del Savoia con ‘Lo Schiaccianoci”

teatro savoiaCon un altro sold-out il Teatro Savoia riprende la sua stagione di spettacoli proponendo per questa sera, lunedì 5 gennaio 2015, alle ore 21,00, un grande capolavoro del balletto dell’ottocento. Spettacolo dall’atmosfera natalizia per eccellenza, ‘Lo Schiaccianoci’ è l’ultima opera di Marius Petipa, il coreografo dei Teatri Imperiali Russi a fine ‘800.

Nello scrivere il libretto, Petipa si lasciò ispirare dal racconto di E.T.A. Hoffmann, precursore del Romanticismo, ‘Nußknacker und Mausekönig (‘Lo Schiaccianoci e il Re dei Topi’ -1816), nella versione meno cruenta rivista da Alexandre Dumas ‘Histoire d’un casse-noisette’ (‘Storia di uno schiaccianoci’ -1844) adattata per i bambini. Composta da Čajkovskij tra il 1891 e il 1892, la partitura sonora de ‘Lo Schiaccianoci’ è stata lo sfondo della coreografia di Lev Ivanov, successore di Petipa, presentata per la prima volta nel dicembre 1892 al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo. Nel 1934 ci fu il debutto europeo dell’opera al Sandler’s Wells di Londra e al Teatro alla Scala di Milano la prima rappresentazione risale al 1938. Una delle versioni più caratteristiche fu di George Balanchine che nel 1954, per il New York City Ballet, divise per la prima volta il balletto in due parti, realtà e sogno. Indimenticabile l’adattamento e interpretazione di Rudolf Nureyev nel ’69 al Teatro alla Scala, in cui il ballerino privilegiò una lettura psicoanalitica, interpretando il triplo ruolo di Drosselmeyer, dello schiaccianoci e del Principe. Una novità introdotta da Čajkovskij nell’esecuzione originaria di quest’opera è la presenza della celesta, uno strumento scoperto dal compositore a Parigi, che venne utilizzato in alcuni passaggi dal risvolto fiabesco. ‘Lo Schiaccianoci’ è un balletto dalle atmosfere oniriche tipiche della favola, con celebri passaggi del balletto come la Danza Russa, emblema della tradizione russa nello spettacolo sia per i costumi utilizzati che per le sonorità scelte, il Valzer dei Fiori e la Danza dei Fiocchi di Neve. Armonica composizione coreutica data dai vivaci balli di bimbi, le deliziose caratterizzazioni delle bambole meccaniche, la battaglia per giocattoli tra i topi e i soldati e il lieto fine, reso sublime dalla grazia e dal virtuosismo del grand pas de deux summa dell’arte e del talento dei solisti che vi si esibiscono. Diretta da Anatoly Emelyanov, il Balletto di Mosca ‘Royal Ballet of Moscow’ fu fondata nel 1997. Il Corpo di Ballo annovera tra le sue fila ballerini di grande esperienza e raffinatezza artistica, provenienti dai migliori teatri russi. Punta di diamante della compagnia è la splendida étoile Julia Golitcina, già solista del famoso Eifman Ballet.

Nel corso degli anni, questa prestigiosa compagnia ha realizzato importanti tourneés in Inghilterra, Irlanda, Stati Uniti, Thailandia, Cina, Giappone, Israele, Messico, San Salvador, Costa Rica, Svezia, Germania, Francia, Spagna e Portogallo, riscuotendo un grande successo internazionale. La loro filosofia artistica prevede non solo la messa in scena dei grandi classici del balletto, ma anche la creazione di un repertorio moderno di più ampio respiro, rivolto ad un pubblico sempre più vasto e al contempo esigente.

 

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close