L’analisi del mercato azionario a cura di Pasquale Ferraro

SAIPEMI TITOLI MIGLIORI E PEGGIORI DELL’ANNO

 MIGLIORI PER PERFORMANCE:

1)     EUROTECH: +34%

2)     BIESSE: +31%

3)     EL.EN: +18.70%

4)     KINEXIA: +16.43%

5)     BCA CARIGE:+15.41%

PEGGIORI PER PERFORMANCE:

1)     EEMS: -19.10%

2)     PREMUDA: -16.4%

3)     SAIPEM: -14.25%

4)     AEFFE: -13%

5)     VIANINI LAVORI: -12.14%

IL TITOLO MIGLIORE E PEGGIORE DELLA SETTIMANA

 IL MIGLIORE:

Il titolo EUROTECH ha archiviato la seduta settimanale facendo registrare la migliore performance sul listino di Piazza Affari; guadagnando così il 28.7%. Grazie a questo rally, le quotazioni hanno guadagnato ulteriormente; +34%  dall’inizio dell’anno. Il prezzo max degli ultimi due anni è 2,66 euro, quello minimo 1,39 euro. Il titolo continua a beneficiare del comunicato (8 Gennaio) del gruppo col quale annunciò di aver avviato un progetto di potenziamento della propria offerta M2m/IoT che prevede l’attivazione di un team dedicato ai servizi di consulenza per supportare i clienti nella progettazione di applicazioni.

IL PEGGIORE:

Il titolo EEMS ha ceduto circa il 15% sul listino milanese, aumentando così la sua flessione dall’inizio dell’anno del 19.10% . Il prezzo max degli ultimi due anni è 0,58 euro, quello minimo è 0,145 euro. Non ci sono notizie ufficiali che giustifichino l’andamento del titolo nell’ultima settimana.

lente ingrandimentoACOTEL GROUP: la quiete dopo la tempesta.

Sembra essere finito l’incubo per Acotel Group che nel 2014 ha ceduto circa 47 punti percentuali sul listino di Piazza Affari. Nel 2015 c’è stata un’inversione di tendenza che ha visto il titolo riportarsi a quota 12 euro (+16,5% dall’inizio dell’anno); sarà l’anno del recupero?

 Il 9 Gennaio Telecom Italia ha reso noto di aver sottoscritto con Noverca Italia S.r.l., società controllata da Acotel Group S.p.A, un accordo per il passaggio dei circa 170.000 clienti consumer attivi di Noverca a TIM. L’intesa prevede che a partire dal prossimo mese di febbraio, e fino a maggio 2015, i clienti di Noverca possano effettuare la portabilità del loro numero mobile verso TIM, mantenendo sostanzialmente invariati i propri profili tariffari. L’accordo consente a Noverca di focalizzarsi nelle attività MVNA (Mobile Virtual Network Aggregator) dove potrà valorizzare gli ingenti investimenti sostenuti negli ultimi esercizi per lo sviluppo di una piattaforma e di soluzioni tecnologiche innovative in grado di abilitare soggetti interessati ad operare in Italia in qualità di Operatori Mobili Virtuali (MVNO). A Noverca sarà riconosciuto un compenso variabile secondo il numero e la tipologia di clienti migrati: in caso di passaggio a TIM della totalità dei clienti il compenso complessivo ammonterà a 3.9 milioni di euro. Questo accordo potrebbe alimentare le speranze dei possessori del titolo Acotel che all’inizio del 2013 era a quota 27 euro (nel 2000, anno debutto in borsa, era a quota 144 euro). Nel Gennaio 2012 il titolo era a quota 17,3 euro circa e nel mese successivo i prezzi toccarono quota 40 euro. Poi una lunga discesa che ha visto le quotazioni toccare il minimo storico a 9,86 euro (dicembre 2014). I risultati finanziari non brillanti di questi ultimi due anni hanno inciso sull’andamento del titolo. 2013: Acotel ha chiuso il 2013 con ricavi a circa 120 mln di euro (99 mln nel 2012), un Ebitda negativo per circa 2,3 mln di euro (+1,1 mln nel 2012), un Ebit negativo per circa 8,5 mln di euro (-3,5 mln) e una perdita netta a 10,7 mln di euro (-6,1 mln). La Posizione finanziaria netta è positiva per 18,2 mln di euro (in calo rispetto ai 29,6 milioni di euro del 2012). 2014: Acotel ha chiuso i primi 9 mesi del 2014 con una perdita di 14 mln euro, in crescita rispetto ai -8,6 mln registrati nello stesso periodo del 2013. Secondo le stime degli analisti il 2015 dovrebbere essere un anno in crescita.

Rating sul titolo: (14/11/2014) Bca Akros taglia target price a 13 da 16 euro; rating HOLD.

Acotel è articolata secondo tre aree di business:

  • Acotel Interactive – dedicata al web e ai mobile services per il mercato globale;
  • Acotel TLC – con una offerta di tecnologie per i servizi mobili a valore aggiunto, di comunicazioni mobili e  servizi MVNO e MVNA;
  • Acotel Net – dedicata alla erogazione di servizi nel settore energia e telemedicina e per la realizzazione di sistemi di sicurezza.

logo vianini lavoriVIANINI  LAVORI: importante sostegno strategico.

 Vianini Lavori ha ceduto gran parte dei guadagni (-12% circa) accumulati con il rialzo partito il 29 Dicembre. Le quotazioni si stanno avvicinando ai sostegni strategici in area 4,60 euro. In tal caso potremmo assistere ad un rally del titolo con un primo target a 5 euro e successivamente a 5,30 euro. Discese sotto i 4,55 euro potrebbero alimentare vendite fino in area 4,40, altro livello di forti supporti. Il giudizio su Vianini Lavori è HOLD. Il titolo ha archiviato l’ultima seduta in progresso dell’ 1% a 4,92 euro (4,83 euro prezzo min. giornata); ordini: 17; controvalore:14.600,19.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close