Politica

La Provincia alla ‘canna del gas’. A rischio il riscaldamento nelle scuole e i servizi ai cittadini. De Matteis chiama a raccolta la delegazione parlamentare e chiede alla Regione di tamponare

provincia de matteis e parlamentariFABIANA ABBAZIA

I trasferimenti statali alla Provincia di Campobasso nel giro di quattro anni sono diminuiti in maniera così drastica da determinare a breve il dissesto dell’ente. Non solo si è passati da 22 milioni del 2010, a 6 milioni di euro dell’anno in corso, ma addirittura l’ente di via Roma rischia di dover restituire allo stato 600 mila euro. Denaro questo che però non è coperto dal bilancio previsionale approvato dall’aula di palazzo Magno. Una situazione drammatica per la quale il presidente De Matteis ha voluto lanciare un appello alla delegazione parlamentare del Molise, affinché si porti nelle sedi opportune il dramma che a breve ricadrà sulle spalle dei cittadini, ai quali non potranno più essere garantiti i servizi. Tra tutti quello del riscaldamento nelle scuole e nelle palestre. Una situazione che lo stesso De Matteis ha chiarito in un incontro con i dirigenti dei numerosi istituti in una riunione convocata questo pomeriggio, lunedì 10 novembre, durante la quale ha spiegato come fino a Natale il riscaldamento potrà essere acceso soltanto per tre ore al giorno, ma senza un intervento della Regione da gennaio gli studenti rischiano di rimanere al gelo.

Il monito del numero uno della Provincia è arrivato a seguito dell’incontro avuto con i rappresentanti del mondo della scuola ed è stato accolto da tutta la delegazione parlamentare. I senatori del Pd Roberto Ruta e Laura Venittelli, dal parlamentare Danilo Leva e dal rappresentante del Nuovo Centrodestra a palazzo Madama, Ulisse Di Giacomo, tutti presenti all’incontro di oggi, hanno infatti ricevuto il grido di aiuto dell’ente provinciale ribadendo il loro impegno nelle apposite sedi romane, dove la battaglia unitaria contro simili tagli indiscriminati dovrà essere portata avanti durante l’iter di approvazione della Legge di Stabilità, approdata attualmente sul tavolo della commissione Bilancio della Camera, prima della discussione in aula.

La delegazione parlamentare del Molise e in modo particolare i rappresentanti del Pd, hanno inoltre rassicurato De Matteis sull’aiuto da parte della Regione, almeno nell’immediato. “Siamo sicuri – ha detto infatti Leva – che l’ente regionale faccia qualcosa per tamponare, rispetto a questi temi non si può girare la testa dall’altro lato”.

I riscaldamenti nelle scuole nei giorni che verranno non saranno però l’unico problema da dover affrontare, dato che anche per lo sgombero neve in cassa ci sono ‘pochi spicci’ e, così come è stato già annunciato al Prefetto, l’ente quasi certamente non potrà essere in grado di affrontare un’eventuale emergenza.

“Non sappiamo più dove tagliare e il rischio è grosso anche per i dipendenti provinciali. Quattro di loro sono stati già distaccati, mentre due dirigenti sono passati alla Regione”, ha rimarcato ancora De Matteis.

Drastico anche il presidente del Consiglio Provinciale, Gianluca Cefaratti che ha affermato con tono duro come “senza un immediato intervento della Regione, l’ente di via Roma non deve più svolgere le funzioni delegate che la legge gli attribuisce”.

 

 

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close