CittàComune

Eventi in città: presentato il cartellone che supera il concetto di stagionalità ma le manifestazioni sono un déjà vu della precedente legislatura

Gli appuntamenti dell’estate campobassana prenderanno il via il 18 agosto e proseguiranno fino al prossimo 22 settembre. Nell’intento, così come fatto sapere dall’amministrazione di Palazzo San Giorgio, di superare il concetto di stagionalità legato alla promozione delle manifestazioni”.

Pochissime sono però le novità all’interno del cartellone presentato questa mattina nell’aula consiliare del Comune di Campobasso, dal sindaco Roberto Gravina, l’assessore alla Cultura e al Commercio, Paola Felice, e dal presidente della Commissione Cultura, Nicola Giannantonio.

Alcuni delle manifestazioni che si terranno affondano, infatti, le proprie radici nella precedente legislatura.

È il caso dello Street Food in programma per il 20 settembre prossimo, quando su Corso Vittorio Emanuele II, sarà riproposta la medesima manifestazione che si tenne nel 2016 in Piazza Gabriele Pepe.

Stessa cosa per l’evento in Largo San Leonardo, voluto dai commercianti del posto e già andato in scena nel corso dell’ultima edizione di Vivi la tua città, così come il Festival Rock ‘impressioni di Settembre’ la cui prima edizione si tenne nella medesima occasione.

Medesima situazione anche per l’appuntamento sportivo in piazza Vittorio Emanuele promosso dalla Chaminade e da qualche anno divenuto una consuetudine degli appuntamenti del mese di settembre.

Unica novità per il festival delle birre artigianali, invece, il cambio di location. La manifestazione che, durante gli scorsi anni, ha registrato il tutto esaurito in Piazzetta Palombo, si terrà in Villa de Capoa, per buona pace dei bottegai del centro storico che attendevano il tradizionale appuntamento per vedere la gente radunarsi in uno degli scorci più belli della città e, così, poter anche sperare di incrementare le vendite.

Per gli appuntamenti musicali, invece, anche la città di Campobasso ha deciso di puntare sul Jazz, nonostante le due vicine rassegne di successo e di livello siano andate già in scena nei vicinissimi paesi di Oratino (Mac Festival) e Campodipietra (Jazz in Campo).

Unica, ma nemmeno tanto autentica novità la tre giorni di rassegna cinematografica che si terrà sul corso il 6-7 e 8 settembre e che è stata realizzata in collaborazione con Kiss Me Deadly. In location differenti anche negli anni precedenti, in realtà, il cinema faceva parte dell’estate del capoluogo. Nel 2015 fu proprio l’assessore de Capoa a voler finanziare la rassegna su noir Kiss Me Deadly.

Inedita, per quanto riguarda il cartellone di Palazzo San Giorgio, la seconda edizione di Campobasso in quitz, promossa dall’associazione Centro Storico di cui il capogruppo del M5S è vicepresidente.

Togliendo, dunque, tutti i déjà vu, il cartellone campobassano contemplerà come uniche novità le dimostrazioni di yoga e gli spettacoli teatrali in scena al Castello Monforte, così come qualche passeggiata naturalistica.

“Un punto di partenza importante ed essenziale per far crescere in modo programmatico l’offerta culturale in città. – così ha definito il sindaco Gravina il progetto bimestrale di eventi cittadini presentato – La sostanza di quest’offerta è proprio nella sua intenzione pratica di dar vita alla città dal punto di vista degli eventi culturali, sociali e sportivi, non a fasi alterne ma con una progressiva crescita che sappia costantemente contraddistinguere. A questo tipo di eventi andremo ad aggiungere nel prossimo futuro  altre manifestazioni di respiro non solo locale, anche queste da far crescere gradualmente, senza voli pindarici o fiammate che durano solo una stagione”.

“Ringrazio tutto l’apparato amministrativo della struttura comunale degli assessorati del Commercio e della Cultura, oltre alle commissioni consiliari per aver portato, ognuno a suo modo e con le sue specifiche competenze e mansioni, un supporto all’ideazione di questo primo blocco di eventi cittadini. – ha dichiarato l’assessore Felice La vera novità sta nell’idea di non intendere la programmazione degli eventi cittadini come meteore stagionali e in questo senso, legare i luoghi della nostra città alle attività culturali in modo forte e sinergico, riconoscibile, può rivitalizzare il territorio urbano, punto essenziale delle nostre linee di mandato”.

“Abbiamo discusso del progetto e delle sue specificità in Commissione Cultura con grande chiarezza, senza preclusione alcuna – ha detto il presidente della Commissione Cultura Nicola Giannantonio – e di questo ringrazio indistintamente tutti i componenti della commissione da me presieduta. La verifica e il confronto devono portare a una crescita dell’azione amministrativa in ogni settore, compreso quello culturale. Per questo, il lavoro della Commissione Cultura sarà sempre più importante non solo e non tanto, si spera, in termini di dialettica politica”.

Clicca qui per il calendario degli appuntamenti.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close