‘Il Gesu’ della storia in Joseph Ratzinger e monsignor Vittorio Fusco’, il 29 aprile il convegno a Campobasso

VATICAN-POPE-AUDIENCE-FILESSi terrà il prossimo 29 aprile 2015, nell’auditorium Celestino V di Campobasso alle 18, il convegno sul tema: ‘Il Gesu’ della storia in Joseph Ratzinger e monsignor Vittorio Fusco’.

Il Centro Culturale Internazionale “Joseph Ratzinger” dedica, infatti, tale iniziativa a due grandi esempi di fede e di amore al Vangelo, il cardinale Ratzinger, eletto nel 2005 Papa Benedetto XVI e dal 28 febbraio 2013 divenuto Papa emerito, e a monsignor Vittorio Fusco, nominato vescovo nel 1995 di Nardò-Gallipoli. L’evento proposto dal Centro “Ratzinger”, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Campobasso-Bojano, con la Scuola di Formazione socio-politica ‘Beato Toniolo’ e con l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Sezione Abruzzo-Molise, sarà un momento di memoria e di studio. Il convegno intende celebrare il decimo anniversario dell’elezione di Benedetto XVI al pontificato, avvenuta il 19 aprile del 2005, alle 17,50, in Piazza San Pietro e il ventesimo anniversario dell’ordinazione episcopale del vescovo Fusco, avvenuta il 7 ottobre del 1995 a Castelpetroso.

Ad aprire i lavori sarà Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘J.Ratzinger’. Dopo i saluti dell’arcivescovo di Campobasso, GianCarlo Bregantini, è previsto l’intervento del vescovo di Sulmona-Valva, Angelo Spina. Subito dopo alcune testimonianze riguardo il valore umano oltre che intellettuale di queste due grandi figure che hanno sviluppato e difeso la memoria cristiana con la propria sapienza, spesa con originali illuminazioni e con esemplare dedizione all’appartenenza ecclesiale.
In occasione di questo duplice anniversario, il Centro ‘Ratzinger’ includerà un dibattito pubblico, dove sarà animato in modo erudito, attraverso il contributo di esperti, l’approfondimento sulla figura del Cristo dal punto di vista autenticamente teologico e da quello prettamente biblico, mettendo a confronto i due testi, il ‘Gesù di Nazareth’ di Benedetto XVI e il ‘Gesù storico’ di monsignor Vittorio Fusco, preziosa eredità spirituale e culturale. Nell’espressione ‘Il Gesù della Storia’, ogni credente tiene fisso al divino modello lo sguardo della propria vita e ne orienta la testimonianza. Il fine, indicato da Ratzinger e da Fusco, nei rispettivi insegnamenti, in vista della corrispondenza dei cieli nuovi e della terra nuova, resta di incontrare nella propria storia la sfida dei percorsi della vita buona, ossia la storia della salvezza portata da Cristo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

Close