Il professor Jozef Vermylen atteso al Neuromed di Pozzilli

VermylenIl professor Jozef Vermylen visiterà giovedì 2 ottobre l’Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed. Il Professore emerito di medicina interna dell’Università Cattolica di Lovanio (Belgio), accettando l’invito del professor Giovanni de Gaetano – responsabile del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’IRCCS Neuromed – arriverà a Pozzilli giovedì mattina. Alle 11:30 prevista la visita della clinica Neuromed di Via Atinense. Nel pomeriggio, alle 15:30, inizierà, invece, la visita al Parco tecnologico di via dell’Elettronica; successivamente il professore si fermerà con i giornalisti per le interviste.

Vermylen, ricercatore di fama internazionale, ha lavorato nel Laboratorio di Coagulazione e Proteolisi dell’Università Cattolica di Lovanio, in Belgio, concentrandosi sulle piastrine, sul trattamento della coagulazione intravascolare disseminata e sulla terapia trombolitica dell’infarto. Più recentemente ha studiato per primo gli effetti dannosi di un ambiente malsano sulle trombosi e per molti anni ha presieduto il Comitato etico dell’Università di Lovanio.

“Siamo particolarmente lieti di ospitare presso il Centro Ricerche di Neuromed il professor Vermylen che da anni segue come consigliere scientifico il lavoro dei nostri laboratori. – ha detto il professor Giovanni de Gaetano – Il professor Vermylen è stato anche Chairman del Comitato Etico del progetto Moli-sani sin dal suo inizio. I nostri giovani ricercatori in particolare si sono avvalsi dei suggerimenti e delle critiche scientifiche del professor Vermylen che hanno permesso di raggiungere più facilmente i risultati delle loro ricerche”.

Tra le numerose ricerche portate avanti dal professor Vermylen citiamo quelle sul ruolo del ‘Fattore von Willebrand’ nella trombosi, che hanno aiutato a capire meglio alcuni meccanismi attraverso i quali i trombi si possono formare dentro i vasi sanguigni fino a causare l’infarto o l’ictus; approfondito anche il ruolo delle cellule nella coagulazione sanguigna ed in particolare sullo scambio di informazioni tra leucociti (globuli bianchi) e piastrine. Ricerche di estrema rilevanza in quanto potrebbero far emergere interconnessioni tra la coagulazione del sangue, le malattie cardiovascolari ed i tumori.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close