Termoli, il candidato sindaco Marone: “Il servizio idrico resterà pubblico”

Michele Marone
Michele Marone

Acqua bene comune da consegnare alla città. Tra le tante questioni attualmente al vaglio del candidato sindaco di Termoli, Michele Marone, c’è anche quella idrica già trattata dalla precedente amministrazione.

Anche in questo caso si sceglierà la linea di continuità all’insegna del rinnovamento e l’idea di Michele Marone è far tornare pubblico il servizio idrico, seguendo anche quanto già deliberato dallo scorso consiglio comunale.

Una decisione adottata a seguito della passione con la quale l’argomento è stato trattato nei mesi scorsi da diversi cittadini ed associazioni che volevano una soluzione certa e sicura rispetto ad una privatizzazione che non era poi così scontata. Si è scelto invece di andare incontro alle esigenze della gente, e si sceglierà ancora di stare al loro fianco per capire in che modo il servizio idrico integrato potrà rimanere di pubblico dominio. Il candidato sindaco Michele Marone ha al momento al vaglio diverse soluzioni.

Per far ciò però occorrerà uno studio di settore accurato per individuare una serie di modalità: le garanzie per il personale che sarà utilizzato e le modalità per rendere realmente efficace il servizio idrico pubblico che si andrà a costituire. “Anche il tema dell’acqua ci sta molto a cuore – ha commentato il candidato sindaco Michele Marone -. Nei mesi scorsi ho notato con quanta passione è stato trattato questo argomento ed una volta insediati ci metteremo al lavoro con studi tecnici e giuridici per capire in che modo tracciare le linee guida della ripublicizzazione del servizio idrico. L’acqua è un bene universale e la nostra intenzione è gestirla nel miglior modo possibile in favore della collettività che ne deve usufruire”.

Intanto, alle 11:30 di martedì 3 giugno Marone incontrerà la stampa, presso la sede elettorale di via Pepe.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close