Trasporto urbano, un incontro a Palazzo San Giorgio. Bucci: “L’idea prevede un sistema che coinvolga anche i comuni limitrofi al capoluogo”

Il consigliere comunale del Partito Democratico, Raffaele Bucci
Il consigliere comunale Lello Bucci

Si è svolto ieri, lunedì 19 gennaio, un incontro, presso la Sala consiliare del Comune di Campobasso a cui hanno partecipato, oltre al sindaco Antonio Battista e al consigliere comunale, delegato alla mobilità, Lello Bucci, anche il presidente della Commissione trasporti, Francesco De Bernardo, l’assessore regionale ai Lavori Pubblici Pierpaolo Nagni, e i sindaci di Baranello, Busso, Campodipietra, Ferrazzano, Matrice, Mirabello, Oratino, Ripalimosani, S. Giovanni in Galdo, Toro e Vinchiaturo.

“Si è discusso di trasporto urbano in vista del nuovo bando per l’affidamento del servizio, che il Comune di Campobasso a breve dovrà adottare – ha affermato il consigliere Bucci –. L’idea è quella di prevedere un sistema di trasporto urbano che coinvolga anche realtà extraurbane ma pienamente integrate con la città, quali i comuni della cinta campobassana, che hanno dato piena adesione all’iniziativa. In sostanza, il servizio di trasporto pubblico della città di Campobasso dovrebbe coinvolgere anche i comuni aderenti all’iniziativa.

Gli autobus urbani avranno come destinazione e come partenza anche i comuni della cinta campobassana che hanno dato riscontro positivo ad un sistema “integrato” di trasporto urbano.  Ciò consentirebbe di avere sia una frequenza più elevata di corse di cui beneficerebbero sia i cittadini campobassani e sia quelli dei paesi limitrofi . Inoltre si avrebbe anche una prevedibile limitazione dell’utilizzo del mezzo privato, a vantaggio del traffico cittadino.

Pertanto a breve si studierà lo strumento amministrativo idoneo per formalizzare tale tipo di accordo fra i predetti comuni e la città di Campobasso e verranno fatte ulteriori riunioni per studiare percorsi urbani il più possibile efficienti.

Tale iniziativa è stata condivisa dall’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Pierpaolo Nagni, il quale ha anche illustrato il progetto della metropolitana leggera che contribuirà a migliorare la viabilità in entrata e uscita da Campobasso, oltre a dare altri collegamenti, in aggiunta a quelli già esistenti,  con alcuni comuni vicini. Sfruttando l’attuale strada ferrata,  si organizzeranno dei collegamenti rapidi e frequenti che partiranno da Matrice, prevedendo tre fermate a Campobasso, vale a dire la zona di via Montegrappa, l’attuale stazione ferroviaria e la zona a ridosso della piscina comunale.

Le corse poi proseguiranno verso i comuni di Baranello, Vinchiaturo e Bojano. Anche questa iniziativa dovrebbe invogliare i cittadini ad un uso più limitato del mezzo privato, con immediate ricadute positive sul traffico cittadino.

In linea con la pianificazione strategica dell’amministrazione, gli obiettivi sono quelli di studiare e favorire tutte le strategie per rendere la città più vivibile e funzionale sia per i residenti e sia per coloro che si recano quotidianamente nel capoluogo. In tale ottica è di primaria importanza il decongestionamento del centro cittadino in vista del miglioramento dello stile di vita nel capoluogo”.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close