Sport

Lo stadio di contrada Selva Piana, da oltre dieci anni senza manutenzione straordinaria, in uno stato di completo abbandono. L’ex tempio dello sport molisano ‘chiede’ urgentemente i lavori di ristrutturazione

Le condizioni del settore 'Distinti' dello stadio di contrada Selva Piana
Le condizioni del settore ‘Distinti’ dello stadio di contrada Selva Piana

GIUSEPPE FORMATO

Uno dei primi problemi che dovrà affrontare la nuova amministrazione comunale sarà quello relativo allo stadio di contrada Selva Piana, che il 5 luglio dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) ospitare la Santa Messa di Papa Francesco e dal prossimo mese di agosto le partite casalinghe del Campobasso, squadra neopromossa in serie D.

Per quel che concerne l’arrivo in Molise del Santo Padre, sembra che dopo i primi sopralluoghi, si stia pensando di modificare il programma, già presentato dalla Curia, spostando la messa al ‘Vecchio Romagnoli’.

Le condizioni dello stadio di Selva Piana, lasciato senza manutenzione ormai da anni, sono precarie e il cemento delle gradinate sta lasciando lo spazio al ferro.

Una situazione che rende, quello che era il tempio dello sport molisano, un impianto evanescente e anche pericoloso.

La Giunta regionale del Molise stanziò con una apposita delibera nel 2012, sotto la presidenza di Michele Iorio, 800mila euro per la ristrutturazione dello stadio, ma nulla è stato fatto. Secondo i soliti rumors la dirigenza del Campobasso proprio per l’inadeguatezza dell’impianto, ancora non ha firmato la convenzione con l’amministrazione comunale per la gestione della struttura.

Le foto, scattate dal presidente del Campobasso, Giulio Perrucci, si riferiscono al settore dei ‘Distinti’, chiusi da circa 11 anni, quando nel giugno 2003 arrivò nel capoluogo molisano la nazionale azzurra dell’allora tecnico Giovanni Trapattoni.

Si può notare il degrado dovuto ad agenti esterni e, soprattutto, alla mancata manutenzione per un intero decennio.

La fotogallery

Articoli correlati

One Comment

error: Contenuto protetto !!
Close