CB e dintorni

‘Molise: tra storia e paesaggio’, presentato il ciclo di seminari che aprirà la regione al resto del mondo

La presentazione del ciclo di seminari 'Molise: tra storia e paesaggi'
La presentazione del ciclo di seminari ‘Molise: tra storia e paesaggi’

‘Molise: tra storia e paesaggio’, il ciclo di seminari che si tiene nell’ambito del master di secondo livello in progettazione e promozione del paesaggio culturale, è stato presentato questa mattina, venerdì 30 maggio, a Palazzo Vitale.

I seminari inizieranno il prossimo 10 giugno per concludersi a novembre: 14 incontri che si svolgeranno a Campobasso, Ferrazzano, Sepino, Isernia e Venafro e avranno come scopo quello di divulgare il progetto ‘Molise: tra storia e paesaggio’, messo a punto dalla Regione Molise, dall’Università degli Studi del Molise e dalla direzione generale dei beni culturali e paesaggistici del Molise.

A presentare l’importante iniziativa, presso la sede della Giunta a Via Genova, c’era il consigliere regionale Nico Ioffredi, il soprintendente dei beni culturali Carlo Birrozzi, la professoressa dell’Unimol, Gilda Antonelli, oltre ai codirettori del master, Luciano De Bonis e Carlo Ebanista.

Nei quattordici seminari arriveranno in Molise alcuni studiosi e personalità particolarmente importanti nei rispettivi settori, come il magistrato Paolo Maddalena, il direttore del Centro Internazionale di Studi per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali, Stefano de Caro, e il presidente del Politecnico di Torino, Giuseppe Dematteis, solo per citarne alcuni.

I seminari toccheranno diversi luoghi strategici della storia del Molise, come la chiesa di San Bartolomeo e il Museo Sannitico a Campobasso, il Castello Pandone a Venafro, il Castello Carafa a Ferrazzano e il sito archeologico di Altilia, senza dimenticare la necropoli di Pettoranello, scoperta dieci anni fa e sui cui ritrovamenti, risalenti anche al settimo secolo avanti Cristo si sta ultimando il restauro. Come ha affermato Ioffredi: “Ci sarà una presentazione a Roma, a Villa Giulia, quando la necropoli sarà pienamente funzionale alle visite dei turisti”.

“Arriveranno in Molise nomi illustri – ha dichiarato Gilda Antonelli – e questa è una ghiotta occasione per farci conoscere e aprire i confini molisani al mondo, considerando che saranno presenti nelle varie date alcuni tra i più illustri esponenti mondiali dei rispettivi argomenti che tratteranno le tavole rotonde. Il primo appuntamento ci sarà il 10 giugno e si parlerà, non solo di promozione culturale del territorio, bensì anche delle tecnologie applicate ai beni culturali, con la presenza di Paolo Mauriello del Cnr”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close