CittàSport

Campobasso, scarafaggi e insetti morti nello spogliatoio degli arbitri dell’Antistadio comunale: l’arbitro rifiuta di entrarci

Uno scarafaggio morto nella doccia degli spogliatoi del 'Nuovo Antistadio'
Uno scarafaggio morto nella doccia degli spogliatoi del ‘Nuovo Antistadio’ (foto redsport Telemolise)

Ancora una brutta figura a Campobasso in merito all’impiantistica sportiva, che nel capoluogo molisano sembra essere diventato un problema annoso. Che gli impianti sportivi di Campobasso fossero fatiscenti e obsoleti è un fatto risaputo: le politiche sportive nel corso degli ultimi anni, infatti, non sono state al centro dell’azione politico-amministrativa del capoluogo molisano.

Lo stadio di contrada Selva Piana, ormai, da anni è utilizzabile solo in parte e sulla sua struttura andrebbero effettuati degli ingenti lavori, per riportarlo agli splendori d’un tempo; quello che solitamente in città si chiama il ‘Nuovo Antistadio’ andrebbe ristrutturato con interventi che andrebbero effettuati agli spalti, all’ormai logorata erba sintetica e anche agli spogliatoi; il Palazzetto dello Sport, che altro non è che una semplice palestra, porta questo nome solo perché era il luogo dove negli anni ’80 hanno calpestato il parquet le squadre di basket e pallavolo delle massime categorie nazionali. Sempre in zona Selva Piana c’è la pista di pattinaggio, mai utilizzata, ad oggi impraticabile. E l’elenco potrebbe proseguire con le ristrutturazioni che andrebbero effettuate anche su altre strutture sportive comunali.

La sporcizia presente nello spogliatoio degli arbitri del 'Nuovo Antistadio' di Selva Piana
La sporcizia presente nello spogliatoio degli arbitri del ‘Nuovo Antistadio’ di Selva Piana

Ieri, domenica 7 settembre, l’ennesima brutta figura: al ‘Nuovo Antistadio’ di contrada Selva Piana si è giocata la gara di Coppa Italia di Eccellenza e Promozione tra il Campodipietra e il Nuovo Montaquila. Lo spogliatoio degli arbitri, evidentemente, non utilizzato dalle ultime partite della scorsa stagione si presentava in condizioni igieniche pessime: sporco e con centinaia di insetti morti e, tra questi, anche alcuni scarafaggi. Ovviamente la terna arbitrale, composta da Daniele Iuliano della sezione di Termoli, Tommaso Biondo di Termoli e Matteo Gentile di Isernia, ha rifiutato di spogliarsi in quello che più che uno spogliatoio presentava l’aspetto di una stalla, ricevendo ospitalità dalle due squadre.

A segnalare la notizia la redazione di ‘Telemolise’, durante la trasmissione condotta dal direttore Antonio Di Lallo, che ci ha fornito le fotografie di questo ennesimo scempio e schiaffo in pieno volto ricevuto dallo sport molisano. Durante la diretta era presente il sindaco di Campobasso, Antonio Battista, “che si è detto rammaricato per quanto accaduto e che avrebbe accertato le responsabilità di questa triste situazione, ribadendo la volontà di voler sistemare una volta per tutte la situazione relativa all’impiantistica sportiva cittadina”.

giusform

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close