CittàComune

Nuovo polo scolastico di via Crispi: nessuna luce in fondo al tunnel. L’anticorruzione blocca la realizzazione della scuola

Stessa sorte per l'istituto di Santa Croce di Magliano

Tutto bloccato per il nuovo polo scolastico di via Crispi, il cui progetto, vincitore di un concorso di idee, era stato finanziato per oltre tre milioni di euro dal bando del Miur, denominato ‘Scuole Innovative’. L’Anac, autorità nazionale anticorruzione, in risposta a un dubbio sollevato dalla struttura di missione di Palazzo Chigi “Italia Sicura”, ha, infatti, stabilito che ai vincitori del concorso di idee non potranno essere affidati i successivi livelli di progettazione.

Resta così bloccata, almeno per il momento, la realizzazione delle 51 scuole vincitrici del bando.

Secondo il bando del Miur, i Comuni su cui sorgeranno le nuove scuole avrebbero dovuto affidare ai vincitori del concorso di idee lo sviluppo dei progetti. Come segnalato da Italia Sicura e confermato dall’Anac, però, questa procedura è possibile a condizione che sia espressamente prevista dal bando, in cui devono essere indicati anche i requisiti professionali e tecnico-economici dei progettisti.

Ciò significa che, con il bando mancante di tali indicazioni, toccherà ora ai comuni bandire nuove gare per individuare i progettisti cui affidare i successivi livelli di progettazione.

Il bando del Miur, si legge nel parere dell’Anac, ha disciplinato esclusivamente il concorso di idee e non anche le modalità per l’affidamento dei successivi livelli di progettazione da parte degli enti proprietari delle aree, cioè i Comuni, cui è rimesso tale affidamento.

I Comuni, quindi, dovranno attenersi alle regole previste dal Codice Appalti. Avranno a disposizione a titolo gratuito le idee premiate dal Miur, ma non potranno affidare i successivi livelli di progettazione ai vincitori, perché dovranno bandire nuove gare che indichino in modo chiaro i requisiti dei progettisti in rapporto ai livelli progettuali da sviluppare.

I vincitori del concorso di idee del Miur, aggiunge l’Anac, potranno partecipare alle gare indette dai Comuni solo se in possesso dei requisiti soggettivi richiesti.

Solo a dicembre 2017 il progetto vincitore del concorso di idee era stato presentato in pompa magna a Palazzo San Giorgio. A guidare la squadra che si era aggiudicata l’ambito riconoscimento, era stato il progettista Dario Cagnucci. Team questo che, secondo quando indicato dall’Anac, a questo punto potrebbe anche non essere lo stesso vincitore della progettazione.

Intanto, proprio in occasione della presentazione a palazzo di Città, più di qualcuno si era augurato che non passasse troppo tempo per la pubblicazione del bando esecutivo, che sembra ora essere sempre più lontano.

Oltre a Campobasso a figurare tra le oltre 50 scuole che sarebbero dovute essere finanziate con l’iniziativa del Miur anche l’Istituto Omnicomprensivo di Santa Croce di Magliano, per cui ora, al pari di tutti gli altri progetti scelti sul territorio nazionale, resta valida la disposizione impartita dall’autorità anticorruzione.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close