Cronaca

Ordigno in via De Attellis, inquirenti a lavoro per ottenere giustizia. Indagine ad ampio raggio: non è esclusa nemmeno la pista della droga

foto bombaGli inquirenti continuano a indagare sullo scoppio dell’ordigno che qualcuno tra la notte del 29 e 30 ottobre ha fatto esplodere dinanzi la parrucchieria in via De Attellis a Campobasso. Un indagine che non esclude si possa essere trattato di una goliardata, ma che però approfondisce anche l’ipotesi di un gesto intimidatorio nei confronti del titolare del negozio, inaugurato nemmeno un mese prima.

Subito dopo l’accaduto gli investigatori hanno ascoltato chi abita e lavora nella zona, cercando di scovare qualunque tipo di informazione in grado di aprire una pista sulla quale proseguire le indagini.

Lo stesso proprietario dell’attività è stato ascoltato dai Carabinieri. Incredulo per l’amara sorpresa con la quale ha dovuto fare i conti, ha sempre detto di non aver motivo di credere che qualcuno potesse avercela con lui. Sotto la lente d’ingrandimento è finita la sua vita privata così come quella lavorativa, dalla quale potrebbe emergere un dettaglio qualunque, utile a svelare il mistero.

Intanto, mentre il negozio continua a essere chiuso, i militari sembrerebbero non escludere nemmeno un’altra pista, quella della droga. Un’indagine, dunque, ad ampio raggio che non preclude alcuna possibilità, ma che ha un unico obiettivo: consegnare alla giustizia i responsabili di un atto violento sul quale i cittadini continuano a interrogarsi.

(f.a)

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close