News dal Molise

Acem, appello alla politica: “Pagate le imprese o sarà richiesta la sospensione dei lavori”

I tempi tecnici legati alle elezioni regionali ed alla ripresa della piena funzionalità degli organi amministrativi a seguito delle operazioni di  rinnovo, faranno sicuramente slittare i pagamenti spettanti per i lavori eseguiti di svariati mesi, con inevitabile rischio di tracollo finanziario per molte Ditte anche storiche ed operanti da anni sul mercato.

Sono questi i timori emersi nel corso di una numerosa e animata riunione assembleare dell’ACEM, a latere degli incontri ancora in corso con i candidati alla Presidenza della Regione Molise.

L’Associazione chiede che siano sbloccati con immediatezza i pagamenti prima che le vicissitudini elettorali possano rallentare l’attività amministrativa.

L’Assemblea degli imprenditori edili dell’ACEM ha deciso che in assenza di riscontri concreti, all’indomani delle elezioni sarà richiesta a chi di competenza l’emanazione  di un provvedimento straordinario di sospensione di tutti i cantieri degli appalti pubblici in corso in Regione, compresi i lavori del sisma, con il conseguente licenziamento di migliaia di operai.

Sarà richiesto anche  il conteggio degli interessi spettanti a norma di legge per i ritardi accumulati.

Ai candidati, l’Associazione ha ribadito la necessità di appaltare i lavori solo in presenza della copertura di cassa e di rispettare la normativa che stabilisce di pagare in trenta giorni.

redazione

CBlive

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!
Close