News dal Molise

A Palazzo D’Aimmo seduta sul programma di governo

Seconda seduta del Consiglio regionale, nel corso del quale il governatore Donato Toma ha comunicato all’aula le motivazioni che hanno portato alla composizione della Giunta regionale, le attribuzioni conferite ai singoli componenti e il programma di governo.

Il Presidente Toma nel suo intervento, nel ricordare i principi ispiratori che orientarono i padri costituenti della Carta statutaria della Regione Molise all’atto della sua stesura, ha evidenziato come l’azione di governo del nuovo Esecutivo sarà indirizzata verso due obiettivi fondamentali: fare cose per bene per la crescita del Molise e dei molisani; ascoltare sempre e in ogni momento le istanze del popolo facendolo partecipe ai programmi e alle scelte. Il Presidente ha poi rilevato che il documento programmatico che ha voluto porre all’attenzione dell’Assise è frutto di un accurato e intenso lavoro di ascolto messo in campo nel corso dell’ultima campagna elettorale. Ascolto e condivisione da cui sono scaturite analisi e sintesi che indirizzano le linee programmatiche del Governo regionale.

“Ho un sogno – ha poi detto il governatoreEssere il Presidente di tutti, offrire pari opportunità a chiunque abbia diritto di cittadinanza in questa regione. Per realizzare ciò, auspico, anzi sono convinto, che il metodo sovrano debba essere quello della condivisione, in Giunta ma anche in Consiglio, dove più che ad una opposizione, mi piace pensare ad una minoranza costruttiva e partecipativa”.

Dopo l’intervento del Presidente della Giunta si è aperto il dibattito nel quale sono intervenuti i consiglieri Primiani, Fanelli, Scuncio, Nola, Di Lucente, Facciolla, Romagnuolo Nicola Eugenio, Calenda, Manzo, Pallante e Cefaratti.

Il dibattito, nel quale ciascun consigliere ha espresso, con differenti motivazioni, condivisione totale o parziale agli obiettivi dell’azione di governo riportati dal Presidente Toma, si è svolto in un clima di serenità e di collaborazione in cui ogni posizione politica, anche in alcuni casi critica, si è concretizzata nell’offerta di suggerimenti e impegno personale e istituzionale per la ricerca di soluzioni condivise e concrete finalizzate ad affrontare le tante problematiche evidenziate dal territorio molisano e dai suoi cittadini.

Condizione di armonia rilevata positivamente dallo stesso Presidente Toma nell’intervento di replica, a conclusione del dibattito, che ha detto di non aver “ascoltato interventi di maggioranza o minoranza, ma posizioni di consiglieri che volevano lavorare insieme per il Molise”.

Infine, si sono costituiti i gruppi consiliari del Partito Democratico (capogruppo Facciolla), di ‘Orgoglio Molise’ (capogruppo Paola Matteo), del Movimento 5 Stelle (capogruppo Greco), della ‘Lega Salvini Molise’ (capogruppo Aida Romagnuolo) e Popolari per l’Italia (capogruppo Di Lucente).

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close