Ancora tagli: 10 professori e 7 tecnici amministrativi in meno. Ed è emergenza scuole molisane

La scuola è ormai un settore troppo sacrificato nell’ ottica dello spending review. La situazione delle scuole molisane è un discorso a sé stante che porta all’emergenza riforme. L’USR – Ufficio Scuola Regionale – ha annunciato che sono in arrivo nuovi tagli che prevedono 10 professori in meno in regione e 7 unità del personale ATA, sforbiciata in tempo di crisi che si somma al totale di 40 posti di lavoro in meno nelle istituti di secondo grado nell’ anno scolastico 2014/2015.

Il Governo a livello nazionale non finanzia l’istruzione, il Molise ne risente ancora di più a causa dello spopolamento. In quest’anno negli istituti superiori si è avuto un calo di iscrizioni con meno 33 studenti per la provincia di Campobasso e meno 56 per gli iscritti ad Isernia. Un evidente disagio scolastico vissuto soprattutto nella zona isernina dove il totale dei giovani iscritti alle superiori è di soli 3.627, rispetto agli 11.963 studenti campobassani.

Alla criticità delle scuole superiori tra abbandoni scolastici, soppressioni delle sedi e tagli si aggiunge anche il drammatico ritorno alle ‘classi miste’: poiché il livello d’iscritti è minimo – un esempio sono i 17 iscritti al Liceo Sportivo di Larino – e non si raggiungono i 20 studenti necessari per formare una classe o si ricorre alla soppressione della sede scolastica oppure diventa necessario inglobare le classi. L’appello urgente è della FLC Cgil Molise che chiede al MIUR delle risorse aggiuntive per garantire il minimo consentito per il diritto allo studio, oltre che misure maggiori per la sicurezza.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close