News dal Molise

Antincendio, elicottero alla base operativa della Protezione civile a Campochiaro

Ora c’è uno strumento in più per la lotta attiva contro gli incendi boschivi. Su proposta dell’assessore Cavaliere, la Giunta regionale, con apposita delibera, ha provveduto a dotare il Servizio regionale di Protezione civile, che si occupa fra l’altro della Campagna antincendi boschivi, di un elicottero operativo ECUREUIL AS350, che presterà servizio nel periodo statisticamente più critico per la lotta agli incendi e stazionerà nella base operativa di Campochiaro. Versatili le prestazioni del velivolo dal punto di vista tecnico: il mezzo ha un’autonomia di circa tre ore di volo e la capacità di carico è di circa 1000 litri liquido estinguente; in alternativa, l’aeromobile può trasportare una squadra di cinque operatori.

“L’ausilio del mezzo aereo – spiega il presidente Toma – costituisce un valore aggiunto per le squadre a terra, che permetterà la riduzione dei tempi di intervento per lo spegnimento, aumentando l’efficienza e la tempestività della macchina organizzativa a tutela del patrimonio forestale regionale. L’antincendio boschivo è una delle priorità della Protezione civile regionale nel periodo estivo. Il lavoro di squadra e la proficua collaborazione tra Regione Molise, Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e Carabinieri forestali rendono ancora più efficaci le attività programmate. Dunque, la disponibilità dell’elicottero a Campochiaro, insieme all’accresciuto e prezioso impegno del volontariato, permettono di potenziare il sistema per la maggiore sicurezza della popolazione e del patrimonio forestale”.

“Il Centro di coordinamento di tutte le attività di lotta attiva – continua Toma – è affidato alla Sala operativa unificata permanente, che ha sede in Campochiaro presso il Servizio di protezione civile. Ho provveduto a firmare un decreto per fare in modo che la Sala, nel periodo di massima pericolosità,  sia attiva con modalità operativa in H24.  Da quest’anno, inoltre, è stata anche potenziata l’attività di addestramento per i direttori delle operazioni di spegnimento e dei capi squadra anti incendio  avvalendoci del personale dell’ARSARP, del personale interno di Protezione civile, nonché dei volontari”.

“Tutte le squadre – conclude il governatore – sono dislocate in punti strategici del territorio regionale al fine di intervenire in modo rapido nelle aree più esposte al rischio incendi”.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close