Biomasse, la soddisfazione del sindaco di Campochiaro, Carlone, dopo l’annullamento delle autorizzazioni

protesta biomasse 1“Esprimo la più viva soddisfazione nell’apprendere della firma degli agli atti di annullamento delle Determine 23 e 24 del 2014, con le quali si autorizzava l’esercizio delle centrali a biomasse nel Matese”: ad affermarlo il sindaco di Campochiaro, Antonio Carlone, attraverso una nota stampa.

“Gli atti a firma dell’Avv. Angela Aufiero, infatti, riprendono e suggellano quanto i cittadini e le associazioni ambientaliste hanno sempre ribadito nei tanti mesi di manifestazione e protesta e che i Comuni e le Aziende hanno fortemente sostenuto nelle tesi dei ricorsi presentati al TAR Molise, tra cui la mancanza di un monitoraggio della qualità dell’aria, la vocazione del territorio a fini turistici, ambientalistici e culturali, la presentazione di progetti incompleti, la localizzazione dell’intervento in area IBA, la mancanza della valutazione dell’impatto cumulativo, la mancata acquisizione del parere sismico e l’acquisizione di pareri in modo difformi e/o successivi alla conferenza di servizio, la mancata indicazione di un adeguato piano di approvvigionamento – prosegue il comunicato stampa -. Spero, interpretando il pensiero della popolazione matesina, dei colleghi Sindaci e delle amministrazioni comunali che hanno condiviso questa guerra a difesa del territorio, che con ciò si sia posta la parola fine agli attacchi al territorio e che si avvii, finalmente, un processo di riforme che coinvolga l’intero Molise per il tanto agognato rilancio dei settori strategici allo sviluppo territoriale: turismo, ambiente, agroalimentare, politiche energetiche, riassetto istituzionale, aree interne. Un ultimo tassello deve incastrarsi per poter chiudere definitivamente la questione. Il 5 giugno p.v. si discuterà in Consiglio di Stato il ricorso proposto da Civitas contro l’annullamento della prima Determina di autorizzazione n. 45/2012: cittadini ed aziende, infatti, avevano ottenuto dal TAR  l’annullamento di quell’atto. Ebbene, avendo oggi la Regione sancito chiaramente l’inopportunità di realizzare simili iniziative sia con atti politici che amministrativi (ordini del giorno, mozioni, decreti presidenziali, determine di annullamento), per le stesse motivazioni nei prossimi giorni ne chiederemo ufficialmente l’annullamento”.

Giovedì 22 gennaio, intanto, a Campochiaro si è tenuta un assemblea pubblica dalla quale è emersa la soddisfazione di tutti ma anche la necessità di continuare a tenere alta la guardia, di restare organizzati per predisporre iniziative propositive allo sviluppo dell’area matesina e, questo, porterà il 29 prossimo i presidianti dinanzi al Tar, in occasione della Camera di Consiglio fissata per la discussione dei ricorsi di Civitas e Di Zio.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close