‘Caro magistrato ti scrivo…’ , gli studenti del capoluogo si confrontano con il Procuratore D’Alterio

1141
Il Procuratore della Repubblica Armando D’Alterio

 Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Campobasso Armando D’Alterio, questa mattina mercoledì 6 maggio nella sala della Costituzione della Provincia, ha incontrato gli alunni delle scuole secondarie di I grado degli Istituti ‘D’Ovidio’ e ‘L. Montini’ del capoluogo.
L’evento ha concluso l’iniziativa editoriale ‘Caro magistrato ti scrivo…’ promossa dall’organizzazione no profit ‘Cultura e solidarietà’ di Milano che ha raccolto in un volume oltre 500 lettere manoscritte di alunni di scuola secondaria di I grado di ogni regione italiana. Gli alunni dei due istituti del capoluogo, nei testi pubblicati, hanno posto liberamente domande sui temi legati alla legalità e su aspetti del ruolo della Magistratura, hanno esposto dubbi, perplessità, richieste di giustizia e di onestà. L’incontro con il Procuratore D’Alterio ha concluso tale percorso dando loro la possibilità di porre direttamente i quesiti.

La manifestazione, coordinata dalla professoressa Lucia Fratianni Baranello, si è aperta con i saluti del presidente della Provincia Rosario De Matteis che si è soffermato sul rapporto tra sicurezza e legalità e ha sottolineato l’importanza del dialogo tra le Istituzioni e tra le Istituzioni e i cittadini. Dialogo che va avviato e costruito in primo luogo nelle aule scolastiche. Sono seguiti gli interventi dei dirigenti scolastici Agata Antonelli e Pasquale Grassi, i quali hanno ringraziato per l’ospitalità e hanno evidenziato il lavoro quotidiano che le scuole fanno per educare gli studenti alla legalità.

Il dialogo tra gli alunni e il magistrato ha preso il via dalle domande e dalle tematiche trattate dai ragazzi nelle loro lettere: sono stati privilegiati quesiti sul delicato ruolo del Magistrato nella società, sulla sua sicurezza, su problemi come la mafia o la delinquenza, quelli di drammatica attualità come la violenza sulle donne. Il Procuratore D’Alterio ha saputo tener viva l’attenzione degli studenti, spaziando da Kant ai Beatles (con l’ascolto di Help! e She loves you), attraverso il filo conduttore che lega l’etica alla legalità, la giustizia alla solidarietà sociale, la cultura al rispetto dei valori. Il confronto si è rivelato coinvolgente e costruttivo e ha sicuramente contribuito alla crescita culturale e civica degli studenti, i quali, attraverso la figura di D’Alterio, hanno consolidato la consapevolezza dell’importanza della Magistratura nel sistema istituzionale italiano. Inoltre è stato un importante  momento di dialogo e di confronto tra i cittadini (pur se cittadini “in erba”) e la Magistratura, un modo per avvicinare gli individui alle Istituzioni e per rendere tangibili questioni che ai ragazzi sembrano lontane.

Al termine della discussione una rappresentanza degli alunni di entrambi gli Istituti ha consegnato a D’Alterio una pergamena in ricordo dell’evento. L’incontro è stato chiuso dall’intervento del presidente dell’associazione ‘Cultura e Solidarietà’ Francesco Vivacqua, presente insieme alla Direttrice Generale Nadia Mazzon. Vivacqua ha espresso la sua soddisfazione per la realizzazione del Progetto e ha consegnato al Procuratore una Stella al Merito Sociale per la sua attività nel campo della magistratura: “Un uomo che fa il suo dovere inconsapevole di essere un eroe”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

Close