Dolore pelvico cronico, il 16 ottobre controlli gratuiti alla Fondazione Giovanni Paolo II. Necessaria la prenotazione

La Fondazione Giovanni Paolo II, l'ex Cattolica
La Fondazione Giovanni Paolo II, l’ex Cattolica

La Fondazione di Ricerca e Cura ‘Giovanni Paolo II’ ha aderito all’iniziativa promossa da Onda, Osservatorio sulla Salute della Donna, ‘Civil Society Participant di Expo 2015’. Il mese di ottobre è stato così dedicato alla sensibilizzazione e alla prevenzione delle principali patologie femminili collegate direttamente o indirettamente alla sfera alimentare, tema dell’Esposizione Universale.
L’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio di molteplici Società Scientifiche, ha coinvolto gli ospedali a “misura di donna” presenti sul territorio nazionale, che offriranno gratuitamente alla popolazione femminile nel corso del mese di ottobre servizi clinici, diagnostici e informativi.

Alla Fondazione ‘Giovanni Paolo II’ venerdì 16 ottobre si svolgeranno gratuitamente consulti e visite ginecologiche per il dolore pelvico cronico. E’ necessario prenotare i giorni 14 e 15 ottobre al numero 0874.312.300 dalle ore 14.30 alle 17.30. Si effettueranno solo visite programmate e prenotate fino al raggiungimento del numero definito.

Dal 2007 Onda premia con l’assegnazione dei Bollini Rosa, gli ospedali italiani che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, riservando particolare attenzione alle specifiche esigenze dell’utenza rosa. La Cattolica di Campobasso è stata riconosciuta “Ospedale a Misura di Donna” sin dalla prima edizione del concorso.

“Le buone scelte alimentari insieme ad una regolare attività fisica, contribuiscono a prevenire il rischio di sviluppare gravi patologie, come l’ipertensione arteriosa, malattie cardiache e anche alcuni tipi di tumore” si legge nel documento elaborato dall’Osservatorio. Proprio per questo motivo, nell’anno di Expo 2015, Onda ha deciso di dedicare il mese di ottobre all’alimentazione e ai disturbi ad essa correlati. Un intero mese in cui gli ospedali con i Bollini Rosa, come la Fondazione ‘Giovanni Paolo II’ accompagneranno le donne nelle scelte alimentari più opportune per la loro salute.

E’ ormai risaputo che la salute si conquista e si conserva prima di tutto a tavola. Un’alimentazione sana ed equilibrata mantiene attivi e dinamici lungo l’arco della nostra vita, aiutandoci a contrastare gli inevitabili effetti dell’invecchiamento e l’insorgere di moltissime condizioni patologiche. Non vi è dubbio che la situazione alimentare dei Paesi economicamente più evoluti sia migliorata negli anni ma, paradossalmente, il benessere ha generato nuovi problemi legati all’eccesso di calorie e alla qualità raffinata dei cibi: basti pensare a malattie come diabete e obesità, che sono diventate una vera e propria emergenza sociale.

Del resto le italiane ritengono che l’alimentazione possa prevenire (90%) e addirittura anche curare (80%) talune patologie e, pur dichiarandosi soddisfatte del loro stile alimentare, nel 40% dei casi vorrebbero migliorarlo. (90%) e addirittura anche curare (80%) talune patologie e, pur dichiarandosi soddisfatte del loro stile alimentare, nel 40% dei casi vorrebbero migliorarlo.

 

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close