Sport

International Basket Challenge: The Molise Project, su il sipario della seconda edizione del Quadrangolare Internazionale

L’incontro dell’Italbasket con il governatore Donato Toma

Entusiasmo e tanti sorrisi. La seconda edizione dell’International Basket Challenge: the Molise Project è stata presentata ufficialmente questa mattina nella sala riunioni del Coni Molise alla presenza del presidente del Coni Molise Guido Cavaliere, dell’assessore regionale allo sport Vincenzo Niro, del presidente della Provincia e sindaco di Campobasso Antonio Battista, del presidente del Fip Molise Marco Lombardi, del coach dell’Italbasket under 18 Andrea Capobianco, del team manager della nazionale di categoria Marco Rossi Mori e di Mattia Palumbo, grande protagonista del primo scrimmage che ha visto gli azzurri superare la Finlandia con 29 punti per l’esterno.

Cavaliere ha sottolineato l’entusiasmo alla base degli appuntamenti cestistici sul territorio e come il Coni sia sempre vicino a questo tipo di manifestazione, sottolineando con forza come la ‘casa dello sport’ sia sempre aperta per appuntamenti in grado di mettere in vetrina il territorio.

L’orgoglio molisano traspariva evidente anche dalle parole dell’assessore allo sport Vincenzo Niro, che ha portato l’abbraccio della gente molisana al coach ed ha fatto anche un rapido accenno alle infrastrutture, quelle dei trasporti così come quelle sportive laddove le parole d’ordine saranno razionalizzazione e strutturazione.

A prendere la parola, poi, il numero uno della Federbasket sul territorio Marco Lombardi, pronto ad intrattenersi su come – da parte del territorio – ci sia un’attenzione marcata per il movimento giovanile e per la crescita, a partire dal vivaio, della palla a spicchi.

Andrea Capobianco, poi, chiamato in causa da più parti, ha sottolineato il piacere di essere ‘a casa’ e quanto siano stati gli stessi responsabili federali, in particolare il team manager Rossi Mori, a spingere per il ritorno su di un territorio in cui c’era stata grande accoglienza ed entusiasmo attorno ai colori azzurri e – a conclusione del proprio intervento – ha consegnato a Cavaliere la maglia da allenamento degli azzurri ed un gagliardetto della nazionale.

Rossi Mori – poi – ha sottolineato come siano state anche altre nazionali ospiti già lo scorso anno come la Finlandia a voler ritornare sul territorio per l’evento.

A concludere la sequenza degli interventi il play-guardia azzurro Mattia Palumbo, grande protagonista sabato nello scrimmage con la Finlandia con 29 punti messi a segno, che ha sottolineato le forti aspettative nel percorso di gruppo di questo raduno campobassano.

E, subito dopo la conferenza stampa al Coni Molise, la delegazione azzurra composta dal commissario tecnico dell’Italbasket under 18 Andrea Capobianco, dal team manager Marco Rossi Mori e dal play-guardia Mattia Palumbo accompagnati da Mimmo Sabatelli, deus ex machina dell’organizzazione, è stata ricevuta dal presidente della Regione Molise per una visita di cortesia nella sede della giunta.

Il governatore, salutando i presenti, ha assicurato il supporto dell’istituzione da lui rappresentata all’evento e si è poi intrattenuto su questioni pratiche, dimostrando la propria conoscenza e la vicinanza alla palla a spicchi con un excursus sugli anni d’oro della disciplina a livello maschile in regione con – da parte di coach Capobianco – un’aggiunta sull’attuale rilevanza anche di quanto riesce ad esprimere ancora oggi la disciplina, a livello di team, coach ed arbitri.

Così come era avvenuto in occasione della conferenza stampa, Rossi Mori – che ha parlato anche della presenza di un altro molisano nello staff azzurro, come il fisioterapista vinchiaturese Francesco Ferri – ha ricordato quella che è stata l’accoglienza importante del Molise  e di come anche altre nazionali siano volute venire sul territorio, alcune anche in conferma della loro presenza dello scorso anno (la Finlandia, il cui team manager si è detto interessato anche ad un’eccellenza del territorio come la Tintilia).

Mattia Palumbo, dal canto suo, ha approfittato dell’occasione per parlare delle prospettive degli azzurri ed invitare lo stesso governatore ad essere presente alla tre giorni di confronti.

Al termine, tutti i partecipanti all’incontro informale sono stati ricevuti presso la stanza dello stesso governatore dove c’è stato l’omaggio di una maglia da riscaldamento al numero uno dell’ente con tutte le firme dei giocatori azzurri.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close