Cultura

#ilmoliseesiste: sul ‘Fatto Quotidiano’ le prove della bellezza di una regione che non trova le capacità per essere valorizzata

MoliseÈ il giornalista Antonio Leggieri a occuparsi sul suo blog de ‘Il Fatto Quotidiano’ dell’appurata esistenza del Molise. Una regione piccola a livello territoriale, forse un pò sfortunata per la sua ubicazione geografica, ma che in fondo paga esclusivamente il prezzo “dell’incapacità atavica di associare a se stesso qualcosa che lo renda riconoscibile”. Una colpa ascrivibile prima di tutto agli stessi molisani, ovvero a coloro che amministrano questo piccolo lembo di terra.

Così, a dispetto di quanto dichiarato da un immaginario Dottor Gregory Donald Johnson sulla Nonciclopedia il Molise esiste eccome, nonostante sia stata l’unica regione in cui l’ex presidente Napolitano non ha fatto visita e, nonostante Robert De Niro ormai da anni proceda a ‘snobbare’ l’invito nel piccolo borgo che ha dato le origini ai suoi bisnonni.

A dar prova dell’esistenza del Molise anche il racconto della visita fatta dal giornalista, accompagnato dal termolese Roberto Trivelli. Proprio nella città adriatica, infatti, la penna del Fatto ha potuto scoprire il vicolo più stretto d’Italia “purtroppo abbandonato a se stesso”.

Insomma, dalle parole di Leggieri che in Molise fortunatamente c’è stato per davvero, questa piccola regione esiste eccome, così come esiste l’incapacità di valorizzare una terra potenzialmente molto ricca. Da qui la tirata d’orecchie agli amministratori, che non dovrebbero accontentarsi di “appuntarsi la medaglietta sul petto quando una testata internazionale come la Cnn si occupa del Molise”.

Poi una domanda, che forse aggiungiamo noi rischia di restare senza una risposta. Leggieri alla fine dell’articolo si chiede, infatti, se “chi si occupa di turismo in Molise sa che su Facebook c’è una pagina che si chiama ‘Il Molise non esiste’ che ha 13 mila mi piace, più di quelli di tutte le pagine collegate al turismo nella regione”.

Infine, l’auspicio salvifico del giornalista di poter “lanciare una vera campagna per sfruttare quelle che sono ragioni di ilarità collettiva – le dimensioni, la presunta inesistenza – a proprio favore e ribaltare l’idea che gli italiani hanno del Molise”.

Così torna in voga l’hashtag #moliseesiste in cui viene racchiusa la speranza che, a dare la prova di ciò, possa finalmente essere un fondamento concreto. Perché il marchio del made in Molise funziona per essere promosso e valorizzato e in fondo la presenza in regione di Chef Rubio ne è semplicemente stata la prova conclamata.

fab.abb

 

 

 

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close