CittàComuneCultura

Oltre le barriere del disagio, esperti a confronto con le nuove generazioni. Un blog raccoglie sogni e aspettative degli studenti del Marconi

emma_de_capoaTutelare i minori in condizioni di disagio. Questo l’obiettivo del progetto pilota promosso dal Comune di Campobasso, Assessorato alla Cultura e Pari Opportunità e l’associazione Liberaluna Onlus che coinvolgerà gli studenti dell’Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico Guglielmo Marconi di Campobasso. L’iniziativa denominata “Oltre le barriere del disagio” è stata presentata questa mattina, lunedì 22 maggio, presso la scuola del capoluogo. A illustrare obiettivi, finalità e metodologie del progetto ci hanno pensato la dirigente scolastica Adelaide Villa, l’assessore Emma de Capoa, la presidente di Liberaluna, Maria Grazia La Selva.

Ascoltare le nuove generazioni usando i loro linguaggi che, inevitabilmente passano per l’uso delle nuove tecnologie. È in sintesi questa la strategia che sarà messa in pratica dagli esperti dell’associazione che si confronteranno non solo con gli studenti, ma anche con genitori e docenti e che, avranno a disposizione un blog, inteso come una scatola virtuale che raccoglierà le idee, i pensieri, i sogni, ma anche le critiche dei ragazzi.

Ma cosa si intende nello specifico quando si parla di disagio sociale? A rispondere alla domanda è Maria Grazia La Selva, presidente Liberaluna.

“Durante altri progetti svolti nelle scuole – dice – ci siamo resi conto che ciò che influisce negativamente sui ragazzi è la loro mancanza di prospettive all’interno della società. Molto spesso sono stati proprio i giovani a raccontarci di non ricevere abbastanza stimoli dagli adulti. E – prosegue – proprio questa mancanza di fiducia li induce a cercare vie d’uscita alternative che possono essere spesso rappresentate dall’uso di alcol, droghe, ma anche il fenomeno della dispersione scolastica o nell’uso distorto della tecnologie, con le quali arrivare a  soluzioni facili e terribili come ad esempio l’autodistruzione”.

Oltre agli incontri con gli studenti e alla piattaforma online, denominata ‘L’omino dei sogni’, interamente gestita da professionisti e nel cui spazio virtuale i ragazzi si sentano liberi di esprimersi, per loro ci saranno anche una serie di laboratori che vadano a rivalorizzare la manualità e la creatività e dare maggiore importanza ai cinque sensi.

“Il disagio sociale le parole dell’assessore de Capoa – è un fenomeno che investe al tempo stesso i ragazzi, le loro famiglie, gli insegnati e di cui spesso non è nemmeno facile dare una definizione. Nella maggior parte dei casi esso non ha una causa unica, ma è la somma di numerose concause che vanno ricercate e analizzate, avendo sempre presente che l’obiettivo  finale è quello di porsi al fianco dei giovani e sostenerli continuamente nel credere e operare per un futuro migliore L’amministrazione comunale ha perciò creduto in questo progetto, promuovendolo  nelle scuole, cerando in questo modo di prevenire e contrastare il fenomeno del disagio giovanile  che, non solo può essere causa di dispersione scolastica, ma nei casi più gravi può condurre a disagi di tipo patologico, come disturbi alimentari, alcolismo, tossicodipendenze, bullismo e persino suicidio”.

Soddisfatta dell’iniziativa anche la preside Villa e le referenti per la scuola dell’iniziativa, le docenti Pozzuto e Gaddi. “Aderire al progetto – ha detto la dirigente scolastica – significa essere consapevoli che lo studente non può essere pensato solo de un punto di vista cognitivo, ma ogni alunno deve sempre essere considerato nella sua interezza e, quindi, è quanto mai necessario che la scuola sia prima fila nelle problematiche che coinvolgono gli studenti anche al di fuori del contesto puramente scolastico”.

Redazione

CBlive

Articoli correlati

Lascia un commento

error: Contenuto protetto !!
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker