‘Bonefro Up’, l’applicazione che promuove il territorio realizzata dagli studenti

Bonefro UpLunedì 11 maggio alle 9, nella sala multimediale della Scuola primaria di Bonefro, sarà presentata l’applicazione turistica ‘Bonefro Up’. Destinata ai principali sistemi operativi mobili android e IOS, è online da oggi, scaricabile gratuitamente e focalizzata su contenuti con riferimenti alle esigenze del turismo outdoor. Il progetto comunale è stato organizzato in collaborazione con le scuole di Bonefro

“L’Assessorato al turismo di Bonefro ha avuto tra i suoi filoni di intervento, la valorizzazione e la promozione territoriale. Le App turistiche/territoriali rappresentano oggi la soluzione ideale per la valorizzazione del patrimonio di un territorio in modo rapido, ottimale e gratuito per le esigenze del moderno visitatore”, le parole dell’assessore al Turismo Claudia Lalli. “Le guide turistiche interattive per smatphone e tablet – prosegue – rappresentano al giorno d’oggi il più efficacie strumento di promozione e si pongono come anello di congiunzione tra il visitatore e la realtà locale. Con la geolocalizzazione dei punti di interesse, la varietà dei contenuti, la personalizzazione delle informazioni e la loro disponibilità in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, le App forniscono all’utente uno strumento pratico e intuitivo per visitare il territorio in perfetta autonomia e vivere appieno le bellezze del luogo”.

“Bonefro Up – spiega l’assessore – consentirà di accompagnare i turisti nell’esplorazione delle risorse di Bonefro attraverso mappe e descrizioni dettagliate, sistema museale, news ed eventi in evidenza e informazioni e servizi. Un’App che diventa uno strumento di approfondimento, di conoscenza culturale e naturalistica dell’intero territorio”.

La realizzazione dei contenuti storici, culturali, artistici e l’ideazione degli itinerari turistici della ‘Bonefro Up’  sono stati affidati agli alunni della scuole di Bonefro con il prezioso coordinamento delle dottoresse Angela Santoianni, Amalia Di Marzo, Mariangela Agostinelli e la collaborazione delle insegnanti.

“Oltre ad aver concretizzato un prodotto turistico – ricorda Claudia Lalli -, il progetto ha permesso agli studenti di raggiungere obbiettivi di competenze e abilità trasversali, acquisire la consapevolezza del rapporto sistemico uomo/ambiente/cultura/storia/informatizzazione e di conoscere il territorio nelle sue componenti storiche, sociali, istituzionali, artistiche e culturali. Non solo: è stata approfondita la conoscenza del paesaggio urbano tramite l’esame globale del proprio paese e lo sviluppo della memoria storica e avviata una didattica della storia e della cultura non esclusivamente manualistica, che ha posto gli alunni in un ruolo attivo e non limitato alla fruizione passiva dei contenuti”.

I ragazzi sono stati infatti impegnati in diverse attività attraverso visite guidate, in collaborazione con le istituzioni locali, necessarie ad analizzare e valorizzare aspetti ed argomenti che sono stati trattati all’interno di laboratori interdisciplinari curricolari e impegnati inoltre in attività di esplorazione della documentazione cartacea e fotografica, svolta nelle aule e nel sistema museale, senza dimenticare infine le ricerche bibliografiche e su Internet.

“Un progetto – conclude –  importante per il turismo ma soprattutto per i ragazzi di Bonefro, cittadini attivi di oggi e di domani”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

Close