Campobasso, furto in un’abitazione: denunciato un venticinquenne della città

polizia-a-campobassoContinua l’attività di prevenzione e contrasto dei reati predatori da parte della Polizia di Stato di Campobasso, che ha individuato e denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica un giovane del posto di anni 25, D. A., responsabile di furto aggravato in appartamento, avvenuto il 30 aprile 2017 in un appartamento del centro cittadino. Nella circostanza il ladro aveva portato via un televisore e dei gioielli

La Squadra Mobile, all’esito di mirate indagini di polizia giudiziaria, nel pomeriggio di ieri ha eseguito un decreto di perquisizione personale e locale emesso dal pubblico ministero Nicola D’Angelo, a carico del giovane, già noto alle forze dell’ordine per precedenti in materia di stupefacenti. Al momento del controllo, operato in coordinamento con il Reparto Prevenzione Crimine di Pescara, il predetto era in compagnia di altri soggetti con precedenti specifici per reati contro il patrimonio.

La perquisizione effettuata ha avuto riscontro positivo, perché ha consentito di rinvenire il televisore, che il pregiudicato aveva tenuto per sé ed installato nella propria cameretta, collegato alla play station, e uno dei gioielli rubati che presumibilmente non è riuscito a vendere in uno dei negozi che ritirano oro usato. Sono state attivate da parte della Divisione Anticrimine della Questura le procedure per l’applicazione delle misure di prevenzione a carico del denunciato, mentre continuano le indagini delle Squadra Mobile per individuare eventuali complici.

L’occasione si ritiene utile per dare alcuni consigli utili alla cittadinanza in vista dell’avvicinarsi delle vacanze estive, periodo in cui i cosiddetti reati predatori aumentano fisiologicamente, perché le case si svuotano e le persone anziane restano sole.

Sicurezza passiva

Il primo consiglio è quello di aumentare i sistemi di sicurezza passiva: porta blindata e chiave a mappa europea. Per chi risiede ai piani bassi possono esser utili delle inferriate in acciaio; anche un sistema di allarme è consigliabile, collegato con linea telefonica e gratuitamente con le sale operative delle forze dell’ordine.

Norme di comportamento

Non tenere, soprattutto nelle ore notturne finestre e tapparelle spalancate, soprattutto se l’appartamento è facilmente raggiungibile dal piano stradale o dal tetto; non aprire mai al citofono o alla porta d’ingresso a persone sconosciute.

Non conservare in casa grosse somme di denaro o gioielli di particolare valore preferendo altri luoghi per la custodia come le cassette di sicurezza. Se si decide di custodire gioielli o denaro in casa, è opportuno utilizzare una cassaforte e in ogni caso non nascondere i valori nei soliti posti sempre visitati dai ladri: cassetti, armadi, dietro i quadri, tra i libri o dentro vasi.

Fare fotografie degli oggetti preziosi poichè le immagini saranno utili in caso di furto, sia in fase di denuncia per la descrizione, sia in caso di ritrovamento per rivendicarne la proprietà.

In caso di assenza da casa

Chiudere bene a chiave la porta di ingresso, abbassare le tapparelle e chiudere le finestre.

Non pubblicizzare la partenza tra conoscenti, nei luoghi di ritrovo o sui social network; fornire, se possibile, un recapito da utilizzare, in caso di problemi, ad un vicino fidato, a cui chiedere anche di liberare la cassetta postale dalla posta e soprattutto dalla pubblicità che, se accumulata, può esser un indicatore di assenza.

Contribuire a creare nel vicinato uno spirito di reciproco sostegno, segnalando e invitando a segnalare alle forze dell’ordine movimenti sospetti o passaggi di estranei nei pressi delle abitazioni.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close