News dal Molise

Emergenza cinghiali. Gravina: ‘A rischio la sicurezza dei cittadini’

Il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, ha convocato ieri un tavolo di lavoro in Prefettura. Il tema affrontato è quello dell’emergenza cinghiali nella provincia, situazione che mette a rischio la sicurezza dei cittadini. “Nel corso della riunione, – ha spiegato Gravina – ho avuto modo di sottolineare, di comune accordo con la Prefettura, di come, oggi come oggi, l’emergenza cinghiali al di là degli aspetti venatori e di quelli altrettanto importanti legati all’agricoltura, richieda un necessario intervento per quanto riguarda la sicurezza e l’incolumità pubblica dei cittadini non solo di Campobasso, ma di tutta la regione, fermo restando che non sono i sindaci i soggetti che possono intervenire.”

Animali selvatici in città

Come sappiamo, in seguito alle chiusure degli ultimi tempi, in tutta Italia gli animali selvaggi si sono appropriati di luoghi prima interdetti, passando dai boschi ai centri abitati. Questo fenomeno non è semplice da gestire e provoca danni su più fronti: gli agricoltori vedono sparire il raccolto perché gli ortaggi vengono mangiati dagli animali, i cittadini temono attacchi da parte dei cinghiali, cosa già avvenuta in alcune occasioni. Si è tenuto quindi nel tardo pomeriggio di ieri, giovedì 15 luglio, presso la Prefettura di Campobasso, il tavolo convocato dallo stesso prefetto per discutere dell’emergenza cinghiali in provincia di Campobasso. L’incontro, allargato a tutte le forze dell’ordine e alla CIA e che ha visto la presenza anche dei rappresentanti dell’Asrem, come ricordato dalla stessa Prefettura, è stato convocato su espressa richiesta del sindaco di Campobasso, Roberto Gravina.

Un protocollo d’intesa per coordinare le attività

Si è convenuto di lavorare a un protocollo d’intesa che dettagli competenze e modalità d’intervento.“Sappiamo tutti che le forze dell’ordine non possono intervenire per l’abbattimento dei capi, – ha spiegato Gravian – ma ho suggerito di formare una squadra reperibile che, ogni qual volta si verifichino avvistamenti nei centri abitati e non solo, possa intervenire, alla presenza delle forze dell’ordine, per la cattura o anche l’abbattimento mediante la somministrazione di narcotici.” Il tavolo istituzionale è stato così aggiornato ai prossimi giorni, in modo da poter mettere nero su bianco il protocollo proposto da Gravina definendolo, nel merito, con maggiore precisione.

Carola Pulvirenti

Articoli Correlati

Lascia un commento

Controlla Anche
Close
Back to top button