News dal Molise

Vinchiaturo, per il Referendum il Comune sceglie locali alternativi alle scuole. Valente: “La priorità è la sicurezza degli studenti”

A Vinchiaturo i seggi elettorali per le prossime votazioni del 20 e 21 settembre saranno spostati in locali extrascolastici. La decisione del sindaco e dell’amministrazione comunale è stata già comunicata alla Prefettura ed alla Commissione Elettorale.

“Siamo tutti preoccupati per l’inizio dell’anno scolastico, – ha detto il sindaco Luigi Valente –  ben consapevoli dell’importanza che la scuola riveste, ma anche della necessità di svolgere le lezioni in sicurezza; purtroppo lo svolgimento del Referendum del 20 e 21 settembre negli edifici scolastici, quindi solo 5 giorni dopo l’inizio delle lezioni, crea indubbiamente problemi di organizzazione didattica ed anche di sicurezza della popolazione, tra cui quella degli alunni e degli operatori scolastici.

Per questo motivo, aderendo alla richiesta della Prefettura che chiedeva ai sindaci l’individuazione di locali extrascolastici dove ubicare i seggi elettorali, l’amministrazione comunale di Vinchiaturo si è attivata ed ha chiesto di poter ubicare i seggi elettorali per il Referendum 2020 nei locali dell’Edificio “Padre Ernesto d’Aquila”.

Si tratta dei locali della Curia Diocesana, che fino al 2019 ospitavano la scuola per l’Infanzia e che presentano tutti i requisiti per poter validamente ospitare, temporaneamente e solo per il prossimo Referendum, i seggi elettorali a Vinchiaturo.

I cittadini saranno diffusamente e tempestivamente informati dello spostamento dei seggi elettorali nella sede temporanea.

“Con questa scelta  – conlude Valente – pensiamo di poter aiutare concretamente l’avvio sereno e proficuo dell’anno scolastico e, nel contempo, offrire a cittadini e famiglie una maggiore sicurezza nel rispetto delle norme in contrasto all’emergenza sanitaria COVID 19″.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

Close